Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Italia e Serbia

Italia e Serbia intrattengono eccellenti rapporti bilaterali, fondati sul Partenariato Strategico avviato con la Dichiarazione congiunta del 13 novembre 2009. Da tale anno, il meccanismo di verifica dell’andamento dei rapporti bilaterali avviene al più alto livello attraverso il Vertice intergovernativo, che si svolge alternativamente in Italia o in Serbia ed è co-presieduto dai due Presidenti del Consiglio alla guida delle rispettive delegazioni ministeriali. L’Italia è tra i principali sponsor del processo d’integrazione europea di Belgrado ed è attualmente tra i principali investitori stranieri ed il terzo partner commerciale della Serbia.

Cooperazione Politica

Le relazioni tra Italia e Serbia vivono un momento di concreto e positivo dinamismo: l’Italia, infatti, il terzo partner commerciale della Serbia e tra i principali investitori stranieri, nonché fondamentale sostenitore del percorso di adesione della Serbia all’Unione Europea.

I rapporti tra i due Paesi che vantano una importante attività di cooperazione a livello politico, culturale, scientifico ed economico si mantiene salda e produttiva come hanno dimostrato anche le recenti visite del Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione, On. Antonio Tajani, di cui l’ultima in occasione del Business & Science Forum Italia-Serbia a marzo 2023.

Italia e Serbia hanno festeggiato nel 2019 i 140 anni di relazioni diplomatiche, anniversario reso ancor più significativo per la contestuale celebrazione dei 10 anni dalla sottoscrizione del Partenariato Strategico avviato con la Dichiarazione congiunta del 13 novembre 2009. In questa ricorrenza si sono succedute importanti visite istituzionali in Serbia, tra cui vi è stata anche quella dell’allora Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

La programmazione culturale dell’Italia in Serbia è ispirata al concetto del “Vivere all’Italiana”, ovvero al complesso di eredità culturale di cui l’Italia può pregiarsi, che include l’innovazione e alla ricerca, con la realizzazione di numerosi eventi ispirati ai temi dell’ecologia e dello sviluppo.

Segui gli avvenimenti nella sezione “Notizie” per tenerti aggiornato sulla nostra attività.

Storia

INQUADRAMENTO POLITICO

Il 5 giugno 2006 è stata proclamata la nascita della Repubblica di Serbia, Stato successore dell’Unione di Serbia e Montenegro, dissoltasi a seguito della dichiarazione d’indipendenza del Montenegro, il 3 giugno 2006.

L’Unione di Serbia e Montenegro era stata istituita il 4 febbraio 2003 quale Stato successore della Repubblica Federale di Jugoslavia (RFJ), a sua volta fondata nel 1992 dopo la dissoluzione della Repubblica Federale Socialista di Jugoslavia a seguito della secessione di Slovenia, Croazia, Bosnia-Erzegovina e Macedonia.

La vigente Costituzione della Repubblica di Serbia include quale parte integrante del Paese anche il Kosovo che, sulla base della Risoluzione ONU 1244 del 1999, è stato amministrato da una Missione delle Nazioni Unite (UNMIK) fino al 17 febbraio 2008, allorché ha dichiarato la propria indipendenza, che Belgrado non ha però riconosciuto.

Nell’aprile 2008 la Serbia ha firmato un Accordo di Stabilizzazione ed Associazione con l’Unione Europea.

Nel dicembre 2009 è stato abolito l’obbligo del visto di ingresso per i cittadini serbi nei Paesi UE dell’Area Schengen. Nello stesso mese, la Serbia ha presentato la domanda di candidatura all’Unione Europea. Nell’ottobre 2010, il Consiglio Europeo ha trasmesso tale domanda alla Commissione Europea, che il 12 ottobre 2011 ha espresso il proprio parere favorevole.

Dal 1º marzo 2012 la Serbia gode dello status di Paese candidato all’ingresso nell’Unione Europea.

Il Consiglio europeo del 28 giugno 2013, valutati positivamente i progressi di Belgrado per l’adeguamento della legislazione locale all’acquis comunitario e nell’ambito del Dialogo con Pristina per la normalizzazione delle relazioni con il Kosovo, ha deciso l’apertura dei negoziati di adesione della Serbia all’UE entro gennaio 2014.

I negoziati di adesione della Serbia all’Unione europea sono stati avviati il 21 gennaio 2014.

Attualità

REPUBBLICA DI SERBIA

Presidente della Repubblica di Serbia – Aleksandar Vučić

 

L’attuale Governo serbo è stato formato il 26 ottobre 2022, con l’elezione di Ana Brnabic in qualità di Primo Ministro.

Il primo ministro della Repubblica di Serbia – Ana Brnabić

Primo Vice Primo Ministro incaricato della politica estera e di sicurezza e Ministro degli Affari Esteri – Ivica Dačić

Vice Primo Ministro e Ministro delle Finanze – Siniša Mali

Vice Primo Ministro e Ministro della Difesa – Miloš Vučević

Vice Primo Ministro e Ministro della Cultura – Maja Gojković

Ministro dell’Economia – Slobodan Cvetković

Ministro dell’agricoltura, delle Foreste e della Gestione delle Acque – Jelena Tanasković

Ministro della Tutela dell’Ambiente – Irena Vujović

Ministro dell’Edilizia, dei Trasporti e delle Infrastrutture – Goran Vesić

Ministro delle Miniere e dell’Energia – Dubravka Đedović Handanović

Ministro del Commercio Interno ed Estero – Tomislav Momirović

Ministro della Giustizia – Maja Popović

Ministro dell’Amministrazione Statale e dell’Autonomia Locale – Aleksandar Martinović

Ministro per i Diritti Umani e delle Minoranze e per il Dialogo Dociale – Tomislav Žigmanov

Ministro degli Affari Interni – Bratislav Gašić

Ministro per l’Integrazione Europea – Tanja Miščević

Ministro dell’Istruzione – Slavica Đukić Dejanović

Ministro della Salute – Danica Grujučić

Ministro del Lavoro, dell’Occupazione, dei Veterani e degli Affari Sociali – Nikola Selaković

Ministro della Famiglia e della Demografia – Darija Kisić

Ministro dello Sport – Zoran Gajić

Il ministro per lo Sviluppo del Territorio – Milan Krkobabić

Ministro della Scienza, dello Sviluppo Tecnologico e dell’Innovazione – Jelena Begović

Ministro del Turismo e della Gioventù – Husein Memić

Ministro dell’Informazione e delle Telecomunicazioni – Mihailo Jovanović

Ministro per gli Investimenti Pubblici – Marko Blagojević

Ministro senza portafoglio incaricato del miglioramento dello sviluppo dei comuni sottosviluppati – Novica Tončev

Ministro senza portafoglio incaricato di coordinare le attività e le misure nel campo delle relazioni tra la Repubblica di Serbia e la diaspora – Đorđe Milićević

Ministro senza portafoglio incaricato dello sviluppo regionale equilibrato – Edin Đerlek

 

Per maggiori informazioni, consultare il sito web del Governo serbo: https://www.srbija.gov.rs/

Incontri

VISITE NEL 2023

VISITE NEL 2022

VISITE NEL 2021

VISITE NEL 2020

VISITE NEL 2019

VISITE NEL 2018

VISITE NEL 2017

VISITE NEL 2016

VISITE NEL 2015

VISITE NEL 2014

VISITE NEL 2013

VISITE NEL 2012

VISITE NEL 2011

VISITE NEL 2010

VISITE NEL 2007 – 2009