Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

L’Amicizia Italia – Serbia al Parlamento di Belgrado

Incontro con parlamentari in Assemblea Nazionale

 

20 dicembre 2016 – L’Ambasciatore italiano in Serbia Giuseppe Manzo ha incontrato oggi nella sede dell’Assemblea Nazionale di Serbia i deputati del gruppo di amicizia Italia-Serbia.
Nel corso dell’incontro l’Ambasciatore Manzo ha presentato le eccellenze italiane nel mondo ed i numeri della presenza italiana in Serbia, illustrando ai partecipanti gli appuntamenti che nel 2017 vedranno l’Italia protagonista sulla scena internazionale: ingresso in Consiglio di Sicurezza dell’Onu, presidenza del G7 e Vertice di Taormina, Celebrazioni di Roma per i 60 anni dei Trattati di Roma che istituiscono la Comunità Europea, presidenza del Vertice dei Balcani Occidentali.
All’incontro, insieme alla Presidente del Gruppo Aleksandra Tomić sono intervenuti oltre 50 parlamentari dei 78 membri iscritti che hanno poi avuto una sessione di domane e risposte con il diplomatico italiano sui diversi aspetti del partenariato strategico tra Italia e e Serbia: dalla lingua e cultura italiane agli investimenti, dal percorso europeo della Serbia alla cooperazione scientifica e tecnologica.

L’Ambasciatore Manzo ha infine presentato e fatto omaggio alla Presidente Tomić del libro fotografico sull’edificio storico che ospita l’Ambasciata italiana a Belgrado realizzato nel quadro delle celebrazioni per i 90 anni dalla sua costruzione.

 

Presentazione dell’Ambasciatore Manzo al Gruppo di Amicizia Parlamentare Italia-Serbia

 

Ambassador presentation

 

Buongiorno a tutti. Ringrazio la Presidente del gruppo di amicizia Italia-Serbia ALEKSANDRA TOMIĆ e tutti voi per l’invito a questo incontro. Non vorrei annoiarvi con il solito monologo dell’Ambasciatore su quanto siano “eccellenti” le relazioni tra Italia e Serbia ma vorrei lasciar parlare queste immagini.

Ambassador presentation

 

Questo video è stato pubblicato lo scorso anno ed ha raccolto oltre 2 milioni di visualizzazioni su Youtube. Partendo dai “luoghi-comuni” che identificano l’Italia e gli italiani del mondo, il video gioca a ribaltarli e racconta cosa sono davvero l’Italia e la creatività italiana.

Ambassador presentation

Ve l’ho mostrato perché molte delle eccellenze italiane citate nel video – automobili, piccole e medie imprese, agroindustria, costruzioni, cooperazione scientifica, cultura – sono ampiamente presenti anche qui in Serbia. Provo a raccontarvele con rapidissimi flash.

 

Ambassador presentation

Questa diapositiva si spiega da sola. L’Italia è leader negli investimenti in Serbia: circa 600 aziende controllate da capitale italiano –quelli proiettati nella slide sono ovviamente solo alcuni tra i marchi più conosciuti al pubblico- con un capitale investito di quasi 3 miliardi di euro e 25.000 persone impiegate. Dal 2013 l’Italia è anche il primo partner commerciale della Serbia con un interscambio che l’anno scorso è stato di 3,65 miliardi di euro (in particolare 1,7 miliardi di export italiano e 1,95 miliardi di import). Anche i dati del 2016 dovrebbero confermare questo trend.

Ambassador presentation

Nel settore della ricerca scientifica e tecnologia la cooperazione tra Italia e Serbia è di primissimo rilievo. Da qualche anno è attiva AIS3, la prima associazione che riunisce oltre 400 scienziati, ricercatori e studiosi e i principali centri di ricerca e università dei nostri due Paesi. E’ inoltre attualmente in vigore il Programma bilaterale di Cooperazione scientifica e tecnologica per gli anni 2016-18 che finanzia 10 progetti di mobilità dei ricercatori e 7 di “grande rilevanza”.

Una delegazione di giornalisti serbi è stata in visita in Italia la scorsa primavera per approfondire meglio i contenuti di questo aspetto interessante della collaborazione tra i nostri due Paesi.

Ambassador presentation

L’italiano è, dopo l’inglese, la lingua straniera più studiata in Serbia e l’Istituto italiano di Cultura di Belgrado è tra i centri più attivi e dinamici nel panorama culturale serbo.

All’Università la lingua italiana è studiata da oltre 2.000 giovani serbi e l’anno scorso presso l’Università di Kragujevac è stato aperto il secondo Dipartimento di Italianistica in Serbia dopo quello di Belgrado fondato oltre 80 anni fa. All’Università di Novi Sad esiste una cattedra di Lingua Italiana che quest’anno l’Italia ha voluto potenziare.

Nelle scuole elementari e medie sono più di 12.000 gli alunni serbi che studiano l’italiano come seconda lingua straniera, tra cui anche gli 80 studenti della sezione bilingue italo-serba presso il “Terzo Liceo” di Belgrado.

Ambassador presentation

L’unica aula di giustizia in Serbia intitolata a magistrati stranieri è l’Aula “Giovanni Falcone” del Tribunale Speciale di Belgrado. E’ la testimonianza dell’intensità della cooperazione italo-serba sui temi della legalità, che sono fondamentali per il cammino della Serbia verso l’UE.

La vostra legislazione antimafia è mutuata in gran parte da quella italiana e la Procura Speciale per il crimine organizzato utilizza lo stesso software per le investigazioni creato e donato dalla Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo italiana. Su iniziativa italo-serba, quest’anno tutti i Procuratori Speciali dei Balcani si sono riuniti a Belgrado già due volte (maggio e novembre) e hanno sottoscritto un’intesa di cooperazione per rafforzare le capacità investigative transnazionali.

Anticorruzione. Il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) Raffaele Cantone ha firmato il primo memorandum d’intesa internazionale con l’omologa agenzia serba e due mesi fa ha aperto il proprio ufficio di assistenza a Belgrado nel quadro di un twinning UE di 2 mln euro.

Antiterrorismo. L’Italia sta fornendo assistenza anche nella redazione della Strategia Nazionale Antiterrorismo richiesti per l’adesione di Belgrado all’UE nell’ambito del capitolo 24.

Ambassador presentation

In conclusione, il prossimo anno si preannuncia ricco di sfide. Il ruolo internazionale dell’Italia nel 2017 è segnato da appuntamenti importanti come la Presidenza del G7 di Taormina; la membership nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU; l’anniversario dei 60 anni dei Trattati di Roma. Questo ruolo globale l’Italia lo costruisce con leadership e responsabilità in aree, quali Serbia e Balcani, cruciali per la sicurezza e per il futuro dell’Europa. E tra gli appuntamenti del 2017 in Italia c’è anche il Vertice dei Balcani Occidentali. Proprio ieri è stato qui in visita l’Inviato Speciale del Ministero degli Esteri per il Processo dei Balcani Occidentali per colloqui con le Autorità di governo e rappresentanti della società civile. Crescita, sicurezza e stabilità della regione saranno al centro dell’agenda italiana del Vertice del prossimo anno attraverso progetti e iniziative che promuoveranno l’integrazione europea della Serbia e dei Balcani.

 

Serbia: a Belgrado libro sull’Ambasciata italiana

 

LIBRO SULL’AMBASCIATA D’ITALIA IN FORMATO DIGITALE

 

(ANSAmed) – BELGRADO, 20 DIC – ‘La Regina delle Ambasciate’ e’ il titolo del libro fotografico sull’edificio storico che ospita l’Ambasciata italiana a Belgrado e che e’ stato presentato oggi al Parlamento serbo. La pubblicazione raccoglie ‘scatti’ di fotografi professionisti e di personale dell’Ambasciata che ritraggono le sale e gli arredi della rappresentanza diplomatica italiana in Serbia insieme a momenti dell’attivita’ quotidiana dell’Ambasciata.

“Queste foto dimostrano come, cosi’ come nel 1926, ancora oggi questo edificio continui a promuovere al meglio l’Italia del terzo millennio e il suo ruolo in Serbia: l’Italia leader economico con i 4 miliardi di euro di esportazioni ed importazioni, l’Italia dei 12.000 alunni di elementari e medie e dei 2.000 studenti universitari che frequentano i corsi di Lingua e Letteratura Italiana, l’Italia degli 82 accordi di collaborazione interuniversitaria”, ha detto l’ambasciatore italiano a Belgrado Giuseppe Manzo nel presentare la pubblicazione che si inserisce nel programma di celebrazioni per i 90 anni dalla costruzione della sede diplomatica a Belgrado.

Il progetto e’ stato realizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado con la collaborazione del giovane fotoreporter Christian Mantuano, che ha fissato alcuni momenti significativi delle diverse iniziative ed eventi organizzati dall’Ambasciata, ed e’ arricchito da immagini dei progetti originali e da foto delle opere d’arte e dei locali dell’edificio realizzate da altri fotografi e da personale dell’Ambasciata.

Il libro e’ stato presentato oggi nella sede del Parlamento della Serbia in occasione dell’incontro dei deputati del gruppo di amicizia Italia-Serbia presieduta da Aleksandra Tomic, al quale Manzo e’ intervenuto con una presentazione sulle eccellenze italiane nel mondo e in Serbia e sugli appuntamenti internazionali che nel 2017 vedranno l’Italia protagonista: l’ingresso in Consiglio di Sicurezza, le celebrazioni per i 60 anni dei Trattati di Roma, la Presidenza G7 e il Vertice dei Balcani Occidentali che l’Italia ospitera’ il prossimo anno.

 

Incontro con parlamentari in Assemblea Nazionale  Incontro con parlamentari in Assemblea Nazionale 

 

Diplomazia italiana: Serbia, presentato presso parlamento a Belgrado libro sull’ambasciata italiana

Belgrado, 20 dic – (Nova) – E’ stato presentato oggi presso il parlamento della Serbia il libro fotografico sull’edificio storico che ospita l’ambasciata italiana a Belgrado dal titolo “La Regina delle Ambasciate”. La pubblicazione raccoglie “scatti” di fotografi professionisti e di personale dell’ambasciata che ritraggono le sale e gli arredi della rappresentanza diplomatica italiana in Serbia insieme a momenti dell’attivita’ quotidiana dell’ambasciata.

“Queste foto dimostrano come, cosi’ come nel 1926, ancora oggi questo edificio continui a promuovere al meglio l’Italia del terzo millennio e il suo ruolo in Serbia: l’Italia leader economico con i 4 miliardi di euro di esportazioni ed importazioni, l’Italia dei 12 mila alunni di elementari e medie e dei 2 mila studenti universitari che frequentano i corsi di lingua e letteratura Italiana, l’Italia degli 82 accordi di collaborazione interuniversitaria”, ha detto l’ambasciatore italiano a Belgrado, Giuseppe Manzo, nel presentare la pubblicazione che si inserisce nel programma di celebrazioni per i 90 anni dalla costruzione della sede diplomatica a Belgrado.

Il progetto e’ stato realizzato dall’Istituto italiano di cultura di Belgrado con la collaborazione del giovane fotoreporter Christian Mantuano, che ha fissato alcuni momenti significativi delle diverse iniziative ed eventi organizzati dall’ambasciata, ed e’ arricchito da immagini dei progetti originali e da foto delle opere d’arte e dei locali dell’edificio realizzate da altri fotografi e da personale dell’ambasciata. Il libro e’ stato presentato oggi nella sede del parlamento della Serbia in occasione dell’incontro dei deputati del gruppo di amicizia Italia-Serbia presieduta dall’onorevole Aleksandra Tomic, al quale l’ambasciato re Manzo e’ intervenuto con una presentazione sulle eccellenze italiane nel mondo e in Serbia e sugli appuntamenti internazionali che nel 2017 vedranno l’Italia protagonista: l’ingresso in consiglio di sicurezza, le celebrazioni per i 60 anni dei Trattati di Roma, la presidenza G7 e il vertice dei Balcani Occidentali che l’Italia ospitera’ il prossimo anno.

 

Incontro con parlamentari in Assemblea Nazionale