Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Agricoltura: progetto Italia-Serbia su utilizzo pesticidi. Seminario a Belgrado

Amb. Manzo al Kick Off Meeting del Twinning Project for Plant Protection

Intervento dell’Ambasciatore Giuseppe Manzo in occasione del Kick Off Meeting del Seminario:


Plant protection is that kind of issues I would love to work on more and more. Don’t get me wrong: I am not willing to quit my job as an Ambassador and turn into an agronomist (I would not be capable). What I mean is that this Twinning Project between Italy and Serbia on Sustainable Use of Pesticides that we are presenting today is exactly that kind of project in which many priorities and opportunities come together and perfectly interact .
 
First, agriculture is a key sector for Serbian economy and we all know that the biggest challenge for the next Government will be boosting growth and employment. Italy is showing consistency in supporting this sector. The twinning project that is starting today is a new, important cooperation project. But it is not the first one. Last october we completed the Twinning Project between Italian and Serbian Agriculture Ministries on Vineyard and Wine production.
 
Secondly, also in the private sector the cooperation in the agriculture field is very strong: last February Ferrero signed a MoU with Serbian Ministry of Agriculture aimed at introducing the cultivation of hazelnut in Serbia. This year, Agriculture will also be the focus of the promotional action of ICE, Italian Trade Promotion Office in Belgrade (ICE will be present at the Novi Sad Agriculture Fair with an Italian pavillion).

But sustainable use of plant protection product is also related to the process Serbia is undergoing to comply with the EU standards within the accession negotiations. And it makes a lot of sense for Italy, a strong supporter of Serbia’s European path, to assist Serbian Government in this field as it does in many others, when it comes to training of magistrates, police cooperation and so on under famous chapters 23 e 24 of accession negotiations.
 
Finally let me just remind that plant protection is closely link with food quality. So this projects perfectly fits in Milan EXPO 2015, where Serbia has already announced its presence. The theme of Expo, “Feeding the Planet, Energy for Life”, encompasses agriculture, environment, health, science and research, food and energy. The same themes addressed by the upcoming EU’s new program for research and innovation, Horizon 2020.



Agenzia ANSA
:

Agricoltura: progetto Italia-Serbia su utilizzo pesticidi Seminario a Belgrado. Finanziamento Ue con Fondi Ipa

(ANSAmed) – BELGRADO, 26 MAR – L’uso sostenibile dei pesticidi e di tutti i prodotti fitosanitari in agricoltura, e l’armonizzazione con la normativa europea della legislazione serba in questo campo: questi i temi al centro, oggi a  Belgrado, di un seminario nel quale e’ stato presentato il relativo Progetto Twinning fra Italia e Serbia.

Il Progetto, messo a punto dai ministeri dell’agricoltura dei due Paesi, ha un valore di 1,3 milioni di euro e una durata di due anni, ed e’ finanziato dall’Unione europea con i Fondi Ipa 2012. L’obiettivo principale e’ aiutare la Serbia, che ha gia’ avviato lo scorso gennaio il negoziato di adesione alla Ue, ad adeguare agli standard europei la propria normativa nell’uso dei pesticidi, avvalendosi della collaborazione e dell’assistenza di esperti e tecnici italiani della materia.

Il Progetto e’ destinato a rafforzare ulteriormente la gia’ solida collaborazione italo-serba nel campo agricolo e della protezione ambientale, ed e’ strettamente connesso con la tematica dell’Expo Milano 2015 relativa all’alimentazione e allo sviluppo sostenibile.

“Sull’agroindustria si gioca molto del futuro economico della Serbia, che nei prossimi anni sara’ impegnata nel difficile percorso di adesione all’Unione Europea”, ha detto l’ambasciatore d’Italia a Belgrado, Giuseppe Manzo, aprendo i lavori della conferenza.

“Per l’Italia, primo investitore straniero – ha proseguito – e’ una scelta strategica quella di sostenere la Serbia in un settore in cui esistono grandi opportunita’ di crescita anche per le nostre piccole e medie imprese. Inoltre, il tema della qualita’ degli alimenti rientra nelle priorita’ di Expo Milano 2015 dedicato ad alimentazione ed energia, cui la Serbia ha gia’ annunciato la propria presenza”.

L’ambasciatore ha sottolineato al tempo stesso la stretta cooperazione esistente fra Italia e Serbia nel settore agricolo privato, ricordando tra l’altro il recente accordo concluso a Belgrado dal gruppo Ferrero per la produzione di nocciole in Serbia. “L’agricoltura e’ un settore chiave per l’economia serba, e sappiamo che la grande sfida del futuro governo sara’ incentivare la crescita e l’occupazione. L’Italia vuole sostenere questo settore”, ha aggiunto Manzo.

Alla conferenza sono intervenuti rappresentanti dei ministeri dell’agricoltura di Italia e Serbia, e Andrew Headey, dell’Ufficio di rappresentanza Ue a Belgrado, che ha sottolineato il grande impegno e la lunga tradizione dell’Unione europea a sostegno dell’agricoltura e dello sviluppo rurale, e a difesa dell’ambiente. “E’ molto importante fare attenzione nell’uso dei pesticidi, il cui utilizzo inadeguato provoca effetti negativi, anche di carattere  finanziario”, ha detto Headey.



Agenzia NOVA
:

Serbia-Italia: parte progetto di gemellaggio nel settore agricolo fra dicasteri di Roma e Belgrado

Belgrado , 26 mar 14:05 – (Agenzia Nova) – E’ avvenuta oggi a Belgrado la presentazione del progetto di gemellaggio fra il ministero italiano delle Politiche agricole, alimentari e forestali, e il ministero serbo dell’Agricoltura sull’uso sostenibile dei prodotti per la protezione delle piante e l’allestimento di un sistema di ispezione regolare delle attrezzature per l’applicazione dei pesticidi. Il progetto è mirato a sostenere la Serbia nell’adeguamento alle normative dell’Unione europea nell’ambito del settore agricolo, e in particolare nell’utilizzo dei pesticidi nei prodotti destinati all’uso alimentare. Il piano di gemellaggio vede una durata di due anni e un valore complessivo di 3 milioni di euro, con un finanziamento dell’Unione europea attraverso i fondi dello Strumento di assistenza di preadesione (Ipa) 2012.


Secondo quanto spiegato da Giuseppe Ciotti, funzionario del ministero italiano delle Politiche agricole, gli obiettivi riguardano innanzitutto la preparazione di una proposta per l’adeguamento del contesto serbo alle normative europee, per incoraggiare una produzione sostenibile dei prodotti fitosanitari. Le azioni prevedono inoltre il rafforzamento della capacità amministrativa del ministero serbo, e uno sviluppo del sistema di gestione integrata Ipm (Integrated pest management) per i pesticidi usati nella filiera produttiva. Secondo l’ambasciatore d’Italia a Belgrado, Giuseppe Manzo, il progetto riassume una serie di priorità in un settore chiave per l’economia serba.


“Sull’agroindustria – ha osservato Manzo – si gioca molto del futuro economico della Serbia, che nei prossimi anni sarà impegnata nel difficile percorso di adesione all’Unione Europea. Per l’Italia, primo investitore straniero, è una scelta strategica quella di sostenere la Serbia in un settore in cui esistono grandi opportunità di crescita anche per le nostre piccole e medie imprese. Inoltre – ha proseguito l’ambasciatore a Belgrado – il tema della qualità degli alimenti rientra nelle priorità di Expo Milano 2015 dedicato ad alimentazione ed energia, cui la Serbia ha già annunciato la propria presenza”. Manzo ha ricordato il supporto italiano dato anche in occasione del progetto di gemellaggio completato lo scorso ottobre, fra i dicasteri dell’Agricoltura di Roma e Belgrado, che ha riguardato la coltivazione dei vigneti e la produzione vinicola.


Nel settore privato, inoltre, è avvenuta la firma, lo scorso febbraio, del memorandum d’intesa fra il gruppo italiano Ferrero e il ministero dell’Agricoltura di Belgrado per l’avvio di una produzione di nocciole in Serbia. Il settore agricolo, ha concluso Manzo, sarà infine al centro dell’attenzione dell’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (Ice), che presenterà un padiglione italiano alla Fiera dell’Agricoltura di Novi Sad il prossimo maggio.


link alla notizia del Ministero dell’Agricoltura serbo