Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

ITALIA-SERBIA: A BELGRADO SEMINARIO SCIENTIFICO DEDICATO ALLA COOPERAZIONE SCIENTIFICA NEL SETTORE DELLA FISICA

Seminario Fisica 2

Sì è svolto oggi presso il Rettorato dell’Università di Belgrado il seminario “Le sfide future della Fisica – Nuove opportunità di cooperazione scientifica tra Italia e Serbia” organizzato dall’Ambasciata d’Italia in Serbia in collaborazione con l’Università di Belgrado. L’evento di cooperazione scientifica ha fatto da cornice ad un confronto tra gli scienziati italiani dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – INFN e quelli serbi della Facoltà di Fisica dell’Università di Belgrado e dell’Istituto di Fisica di Belgrado sui temi della fisica delle particelle e della fisica delle onde gravitazionali, fino al calcolo quantistico. Il Seminario è stata anche l’occasione per la firma di un accordo di cooperazione scientifica tra l’INFN, la Facoltà di Fisica dell’Università di Belgrado e l’Istituto di Fisica di Belgrado. Un’intesa particolarmente importante perché fornirà ai fisici e agli ingegneri serbi la possibilità di contribuire al progetto Einstein Telescope (ET) per il quale l’Italia, oltre ad essere tra i capofila, è anche candidata ad ospitare l’infrastruttura di ricerca in Sardegna.

“Italia e Serbia perseguono l’obiettivo di sviluppare la propria economia puntando sui settori a più alto contenuto tecnologico investendo sui rispettivi sistemi di ricerca e innovazione. Per questo la nostra azione è sempre più concentrata sulla promozione del sistema italiano come partner strategico di quello serbo nei campi dell’innovazione tecnologica e della ricerca.”, ha dichiarato l’Ambasciatore d’Italia in Serbia, Luca Gori. “La prossima settimana realizzeremo un altro passo in questa direzione – ha aggiunto Gori – con il Forum dell’Innovazione Italia-Serbia che aiuterà a presentare i nostri rispettivi sistemi dell’innovazione e a favorire i contatti tra start-up, incubatori, venture capital ed enti di ricerca italiani e serbi”.