Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

CONCLUSA LA PRIMA FASE DEL PROGETTO UNHCR – MAECI SULLO SCAMBIO DI BUONE PRASSI TRA AUTORITA’ ITALIANE E SERBE

Si è conclusa la scorsa settimana la prima fase del progetto di UNHCR, co-finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e sostenuto dall’Ambasciata d’Italia a Belgrado, volto a favorire lo scambio di buone prassi nella gestione dei flussi migratori tra Autorità italiane e serbe.

La missione, che ha riscosso un concreto successo, ha permesso ai rappresentanti serbi di approfondire il funzionamento del sistema italiano di asilo e integrazione, caratterizzato dalla decentralizzazione sia della procedura di analisi della domanda di asilo sia del sistema di accoglienza, che conta sull’importante collaborazione delle organizzazioni della società civile e di UNHCR.

Oltre alle opportunità di confronto offerte dagli incontri con i competenti dipartimenti centrali e articolazioni locali del Ministero dell’Interno, particolarmente apprezzate sono state le visite ad alcune strutture di accoglienza nonché i colloqui la Commissione Nazionale per il Diritto di Asilo e SAI (Sistema Accoglienza ed Integrazione), che hanno offerto l’occasione per conoscere l’organizzazione e la gestione del sistema di accoglienza.

La delegazione ha infine incontrato le organizzazioni della società civile che forniscono supporto a rifugiati e richiedenti asilo come Sant’Egidio (che lavora sui corridoi umanitari), SAMIFO (un centro che fornisce supporto psicosociale a richiedenti asilo e rifugiati) e “Differenza Donna” (che lavora sulla protezione delle donne vittime di tratta e violenza).