Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Comunicato del Governo serbo sulle nuove misure contro il Covid-19

Su proposta dell’Unita’ di crisi per il contenimento della malattia COVID-19, il Governo serbo ha adottato nella seduta odierna le nuove misure per contenere la diffsione del Coronavirus e per tutelare la salute dei cittadini. Le nuove misure si riferiscono alla Citta’ di Belgrado, tenendo conto della specifica situazione epidemiologica.

Viene limitato l’orario di lavoro delle strutture di ristorazione e dei club notturni, senza eccezione, nel periodo dalle 23 alle 6 del mattino del giorno successivo.

In tutti gli spazi chiusi, senza eccezione, e’ obbligatorio indossare le mascherine protettive, rispettando la distanza fisica di 1,5 metri. Inoltre, e’ obbligatorio indossare le mascherine protettive nei mezzi di trasporto urbano ed interurbano.

Per il mancato rispetto della misura obbligatoria dell’indossamento di mascherina protettiva nei pezzi pubblici e negli spazi chiusi, e’ stabilita una multa pari a 5.000 dinari, per ogni persona fisica che non rispettera’ la misura.

Il Governo ha adottato anche la misura con la quale vengono proibiti gli assembramenti pubblici al chiuso per piu’ di 100 persone, e per piu’ di 500 persone all’aperto. Nel caso di qualsiasi assembramento al chiuso o all’aperto e’ necessario rispettare la distanza fisca di 1,5 metri.

Tute le misure per la Citta’ di Belgrado valgono per le prossime due settimane, ossia fino al 18 luglio 2020.

Il Governo serbo invita un’altra volta tutti i cittadini a rispettare le misure e le raccomandazioni, comportandosi in modo responsabile e prendendo cura della propria salute e della salute dei propri vicini.

Il Governo serbo e l’Unita’ di crisi per il contenimento della malattia infettiva COVID-19, continuera’ a monitorare con la massima attenzione, di giorno in giorno, lo sviluppo della stuazione epidemiologca in Serbia e ad infromare i cittadini di tutto quanto.

Belgrado, 3 luglio 2020