Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Sospensione del traffico aereo internazionale per passeggeri da e per l’Aeroporto “Nikola Tesla” di Belgrado

Il 19 marzo è stato sospeso il traffico aereo internazionale per passeggeri da e per l’Aeroporto “Nikola Tesla” di Belgrado. Non è pertanto disponibile alcun collegamento aereo tra Italia e Serbia neanche con scalo.

COMUNICATO DEL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SERBIA

Chiusura Aeroporto Nikola Tesla per il trasporto internazionale dei passeggeri

Belgrado, 19 marzo 2020

Il Governo della Repubblica di Serbia ha adottato nella seduta odierna nuove decisioni mirate a contenere la diffusione del virus COVID-19.

Conformemente alla decisione del Governo, il traffico aereo internazionale per passeggeri dall’Aeroporto Nikola Tesla di Belgrado si sospende fino a nuova comunicazione. La presente decisione entra in vigore oggi a mezzogiorno e tutti gli aerei decollati entro quest’ora dalle rispettive destinazioni di partenza potranno, in modo sicuro, atterrare all’Aeroporto di Belgrado. Per tutti i passeggeri che atterrano è obbligatorio il rispetto delle misure di autoisolamento e l’eventuale infrazione di tali misure sarà severamente controllata e sanzionata in conformità alla legge.

È stata presa la decisione che la chiusura degli sportelli dei servizi pubblici non si applichi all’Agenzia delle Entrate, all’Agenzia delle Dogane e al Dipartimento del Tesoro, in quanto la loro chiusura ostacolerebbe l’indisturbato funzionamento dello Stato, in particolare durante lo stato di emergenza.

Tutte le misure e le decisioni del Governo adottate nell’ultimo periodo, nonché quelle che saranno adottate nei giorni successivi, hanno l’unico scopo di proteggere la vita e la salute di tutti i cittadini della Repubblica di Serbia.

Il Governo della Repubblica di Serbia rinnova l’appello a tutti i cittadini, soprattutto ai nostri cittadini più anziani, affinché rispettino nel modo rigoroso tutte le istruzioni del Governo mirate alla salvaguardia della loro salute.