Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Il Procuratore Antimafia Cafiero De Raho con la Ministra della Giustizia Kuburovic

foto news cafiero de raho kuburovic 1

Comunicato del Ministero della Giustizia serbo:

La Ministra della Giustizia Nela Kuburovic ha incontrato oggi il Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero De Raho, con il quale ha discusso della collaborazione fra la Serbia e l’Italia nel contrasto contro il crimine organizzato e la corruzione.
La Ministra Kuburovic e il Procuratore De Raho hanno sottolineato che la Serbia e l’Italia hanno una buona collaborazione nella lotta contro la criminalità organizzata e la corruzione, che deve essere ulteriormente rafforzata per affrontare le sfide delle forme attuali della criminalità transnazionale.

I due interlocutori hanno ribadito l’importanza dei team investigativi congiunti fra le Procure e le Polizie dei due Paesi allo scopo di una lotta efficacia contro il crimine transnazionale.

La Kuburovic ha ricordato che nel 2017 sono stati firmati alcuni accordi bilaterali tra la Serbia e l’Italia e che uno di questi si riferisce all’assistenza legale internazionale nel contrasto contro il crimine e la corruzione. Inoltre, la Kuburovic ha detto che il Ministero della Giustizia ha firmato un Accordo di cooperazione con la Guardia di Finanza, grazie al quale i procuratori e i poliziotti serbi fanno corsi di formazione e di addestramento nell’istituzione italiana.

La Ministra Kuburovic ha aggiunto che la Procura per la criminalità organizzata serba ha avuto un’intensa collaborazione con i colleghi italiani e che la stessa Procura ha avuto un software per la gestione dei dati, attraverso una donazione italiana.

La Kuburovic ha sottolineato che la lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata è una delle priorità del Governo serbo e del Ministero della Giustizia.

Il Procuratore Cafiero De Raho ha ribadito di avere con le Procure serbe un’ottima collaborazione, specialmente con la Procura per la criminalità organizzata.

Ha ribadito che la Direzione sta provvedendo ad un continuo aggiornamento della propria legislazione per avere sempre nuovi strumenti nella lotta contro la criminalità organizzata e la corruzione, aggiungendo che l’autorità italiana rimane a disposizione della Serbia quando si tratta dello scambio di esperienze e sostegno professionale.

Italia-Serbia: Cafiero De Raho con Ministra Giustizia

(ANSAmed) – BELGRADO, 2 OTT – L’ulteriore rafforzamento della già stretta collaborazione fra Italia e Serbia nella lotta a corruzione e criminalità organizzata è stato al centro di un colloquio che il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero de Raho ha avuto oggi a Belgrado con la ministra della giustizia serba Nela Kuburovic.

Cafiero de Raho è intervenuto oggi nella capitale serba a una conferenza sul contrasto ai fenomeni di corruzione nello sport, con particolare riguardo alla manipolazione di partite di calcio e altri eventi sportivi. Come ha riferito in un comunicato il ministero della giustizia, nell’incontro è stata rilevata l’importanza di team investigativi comuni fra Italia e Serbia – polizie e procure – allo scopo di rendere più efficace la lotta alla criminalità transnazionale.

Kuburovic ha ricordato gli accordi bilaterali firmati nel 2017, uno dei quali relativo proprio alla collaborazione contro corruzione e criminalità, mentre una intesa con la Guardia di Finanza consente a giudici e poliziotti serbi di seguire corsi di formazione e perfezionamento in Italia. La lotta a corruzione e crimine organizzato è tra le priorità del governo serbo – ha affermato Kuburovic che ha fatto riferimento inoltre a un sofisticato sistema di software donato in passato dall’Italia allo scopo di creare una più efficiente banca dati. Cafiero de Raho da parte sua ha sottolineato la piena disponibilità della procura nazionale antimafia e antiterrorismo a fornire alla Serbia sostegno in termini di scambio di esperienze e assistenza specialistica.