Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

L’Ambasciatore Lo Cascio visita le imprese italiane a Sabac

2019 06 14 news 01 2019 06 14 news 02

Dopo le precedenti visite a sostegno delle imprese italiane a Zrenjanin, Jagodina, Subotica, Novi Sad, Kula e Kragujevac, l’Ambasciatore Carlo Lo Cascio si è recato oggi a Sabac, dove ha inaugurato il nuovo stabilimento dell’azienda „Selettra WB doo“.
Durante la visita, l’Ambasciatore Lo Cascio ha incontrato il sindaco di Sabac, Nebojša Zelenović, con un gruppo di rappresentanti di Confindustria e di imprenditori italiani. Ha poi visitato le aziende italiane “Conceria Pasubio “ e “SBE“.

L’Ambasciatore Lo Cascio ha messo in risalto il forte messaggio che l’Italia sta inviando in tutte le città della Serbia a conferma della volontà di continuare a investire in questo Paese, per una crescita comune. “Questo messaggio di collaborazione e vicinanza” – ha proseguito l’Ambasciatore – “è stato ribadito in occasione di tutti i recenti incontri politici di alto livello ed acquista è ancora più significativo nell’anno in cui celebriamo i 140 anni di relazioni diplomatiche e 10 anni di partnership strategica tra Italia e Serbia”.

2019 06 14 news 03

Nuova fabbrica italiana a Sabac

Sabac- L’azienda italiana “Selletra” , specializzata per la produzione delle installazioni elettriche per gli elettrodomestici, ha aperto ieri a Sabac la sua ditta “Sellettra WB” (Seletra Western Balkans). Questa è l’undicesima azienda dalla penisola Appenninica che ha cominciato a lavorare nella zona industriale di Sabac, ed impiega 40 operai, mentre è in piano di aumentare il loro numero entro la fine dell’anno prossimo a 100 persone. Oltre ai rappresentanti degli investitori e dei funzionari locali, all’inaugurazione della nuova fabbrica era presente anche l’Ambasciatore italiano a Belgrado Carlo Lo Cascio.
La società “Selletra” è stata fondata nel 1974 nella regione (centrale) Marche, e le figlie-aziende si trovano in Romania e Ucraina. Proprio grazie a questo ha la possibilità di rispondere alle richieste dei clienti in tutta l’Europa, in Russi e in Medio Oriente. I partner strategici di questa società sono anche gruppi mondiali nel settore degli elettrodomestici come la “Electrolux” e “Whirpool”.

“Da più di 20 anni siamo presenti anche sul mercato dell’Africa settentrionale e cinese, sia con i nostri prodotti sia come partner tecnologico di grossi brand. Questa crescita è stata possibile grazie all’adeguato riconoscimento e valore dei potenziali umani, esperti e professionali, ma anche ad importanti investimenti nell’innovazione della produzione”, ha rilevato Luca Antognozzi, direttore esecutivo dell’azienda “Selletra”.

A Sabac l’azienda lavorerà nei locali commerciali nuovi e in affitto, difronte allo stabilimento dell’ex industria chimica “Zorka” e l’investimento iniziale nelle attrezzature è di circa 150.00 euro. Gli operai hanno avuto un corso specialistico nelle fabbriche in Italia e in Romania.

“Sabac potrebbe essere chiamata anche piccola Italia, grazie alla presenza di 11 fabbriche italiane e una buona atmosfera creatasi in città proprio per questo motivo. Siamo fieri del fatto che nuove fabbriche italiane arrivano da noi grazie alla raccomandazione, il che parla abbastanza del nostro rapporto verso gli investitori”, ha detto il Sindaco di Sabac Nebojsa Zelenovic, sottolineando che i rappresentanti delle società italiane sono parte del Consiglio economico della città.

L’Ambasciatore Carlo Lo Cascio ha ringraziato gli ospiti per le buone condizioni di business delle fabbriche italiane ed ha rilevato di essere orgoglioso del fatto che esse contribuiscono all’apertura di nuovi posti di lavoro a Sabac. “Vorremo mettere a vostra disposizione non solo le nostre finanze, ma anche l’esperienza e la competenza, al fine di creare quanto prima un sistema stabile”, ha detto Lo Cascio, proponendo agli ospiti anche una cooperazione culturale più forte e il legame con l’Istituto Italiano di Cultura a Belgrado.
(fonte quotidiano POLITIKA 16 giugno 2019)

Gli Italiani amano Sabac

I businessmen italiano proprio amano Sabac. Ieri è stata aperta la fabbrica “Selettra”, undicesima società italiana che opera nella città sul fiume Sava.

Questa fabbrica entro fine anno impiegherà 40 persone, e nel corso di un anno nella produzione di installazioni elettriche per gli elettrodomestici, da come ha promesso il direttore Nemanja Jovanovic, saranno impiegate 150 persone.

La fabbrica è stata inaugurata dal direttore esecutivo della compagnia “Selletra” Luca Antignozzi, l’Ambasciatore d’Italia Carlo Lo Cascio e il sindaco di Sabac Nebojsa Zelenovic.

Vogliamo mettere a vostra disposizione la nostra esperienza e competenza, per realizzare al più presto un sistema stabile – ha detto l’Ambasciatore d’Italia.

Il Sindaco Zelenovic ha detto che Sabac si può liberamente denominare piccola Italia, per la presenza di persino 11 fabbriche italiane.

Qui operano le fabbriche italiane: SBE, Pasubio, Vopachel, ABS Tools, Debora shoes, Britech, ODS Technology, Refrion Refrigeration, Fox pack e Selletra.
(fonte quotidiano NOVOSTI 15 giugno 2019)

notizie in serbo:

RTV Sabachttp://www.sabac.tv/vesti/27068/poseta-ambasadora-italije-i-otvaranje-firme-selettra-wb
Sabac.rs :
http://sabac.rs/aktuelnosti/vesti/italijanski-ambasador%3Cbr%3Eu-sapcu.htm
http://sabac.rs/aktuelnosti/vesti/italijanske-firme-deo-sabacke-biznis-porodice-.htm
http://sabac.rs/aktuelnosti/vesti/otvorena-11-italijanska-%3Cbr%3E-fabrika-u-sapcu—%3Cbr%3E-selettra.htm

Danashttps://www.danas.rs/ekonomija/otvorena-11-italijanska-fabrika-u-sapcu/
Podrinskehttp://podrinske.com/italijanska-kompanija-selettra-svecano-otvorena-u-sapcu/
Betahttps://beta.rs/vesti/vesti-drustvo/112549-italijanski-ambasador-u-sapcu
RTShttp://www.rts.rs/page/stories/sr/story/57/srbija-danas/3557510/nova-fabrika-u-sapcu.html
Blichttps://www.blic.rs/biznis/vesti/nova-italijanska-fabrika-u-sapcu-elektricne-instalacije-proizvodice-150-ljudi/c4mtfsl
Ekapijahttps://www.ekapija.com/news/2540682/otvorena-fabrika-selettra-u-sapcu-do-kraja-2019-posao-za-40-radnika