Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

L’Ambasciatore Lo Cascio ha incontrato oggi la Ministra Joksimovic

2019 02 14 lo cascio e joksimovic news

J.Joksimovic e Lo Cascio: l’Italia crede nel futuro europeo della Serbia

La Ministra per l’Integrazione europea Jadranka Joksimovic e l’Ambasciatore d’Italia Carlo Lo Cascio hanno discusso dell’integrazione europea della Serbia, delle riforme che si stanno compiendo lungo il processo di adesione, delle circostanze nella regione, della situazione nell’UE e delle relazioni bilaterali fra i due Paesi e di altri temi di attualità.

La Ministra ha informato l’Ambasciatore delle future attività che si riferiscono al processo di integrazione europea, sottolineando che la memebership nell’UE rimane la priorità di politica estera e che la Serbia, in questo senso, si dedica all’attuazione delle riforme in funzione della creazione di uno Stato moderno per il quale l’interesse dei cittadini avra’ valore primario. Ha ringraziato del sostegno e dell’assistenza che l’Italia offre alla Serbia lungo il percorso europeo e che, secondo quanto confermato da Lo Cascio, persisterà anche in futuro.

L’Ambasciatore ha detto che l’Italia si impegna per una credibile politica d’ampliamento dell’UE. Ha sottolineato che la Serbia ha dimostrato di essere un partner affidabile e credibile dell’UE. E’ convinto che le riforme nell’ambito dello stato di diritto nel nostro Paese proseguiranno e che saranno più intense. Ha valutato che i risultati delle riforme sono visibili, cosa che è dimostrata anche da un gran numero di investitori e imprese che operano in Serbia.

Jadranka Joksimovic ha affermato che la Serbia e’ pronta a portare avanti il dialogo fra Belgrado e Pristina, ma solo quando sarà abolita la decisione di introdurre le tasse sulle merci, che la Serbia si impegna per la stabilità e la cooperazione nella regione e che tale atteggiamento dovrebbe essere adottato anche da altri.

La Jokismovic e Lo Cascio hanno convenuto che in futuro dovrebbe essere aggiornato il Memorandum di collaborazione fra la Serbia e l’Italia nell’ambito dell’integrazione europea, che provvederà a fornire una cornice ancora più precisa per le forme concrete di sostegno italiano lungo il nostro cammino europeo.

Gli interlocutori hanno constatato che i due Paesi hanno buone relazioni bilaterali e che l’Italia è un importante partner economico e politico della Serbia.

(fonte Ministero per l’Integrazione europea: http://www.mei.gov.rs/srl/vesti/1611/189/335/detaljnije/j-joksimovic-i-lo-kaso-italija-veruje-u-evropsku-buducnost-srbije/ )


ITALIA-SERBIA: AMBASCIATORE LO CASCIO RIBADISCE APPOGGIO UE

(ANSAmed) – BELGRADO, 14 FEB – Il pieno appoggio dell’Italia al processo di integrazione europea della Serbia e’ stato ribadito dal nostro ambasciatore a Belgrado Carlo Lo Cascio, in un colloquio oggi con il ministro per l’integrazione europea Jadranka Joksimovic.

Lo Cascio, come ha riferito in un comunicato il ministero serbo, ha detto che l’Italia e’ impegnata a favore di una politica credibile di allargamento della Ue, e che la Serbia si e’ dimostrata un partner affidabile e credibile dell’Unione europea, un Paese con un chiaro futuro europeo e un ruolo importante per la stabilita’ della regione.

L’ambasciatore ha sottolineato i risultati positivi ottenuti dal programma di riforme, cosa questa dimostrata anche dal gran numero di investitori e di aziende che operano in Serbia. Lo Cascio in particolare si e’ detto certo che le riforme nel campo dello stato di diritto continueranno e saranno intensificate.

Il ministro Joksimovic ha ringraziato l’Italia per l’appoggio e l’aiuto al cammino europeo di Belgrado, ribadendo che l’adesione all’Unione europea resta l’obiettivo prioritario della politica estera della Serbia, e che il programma di riforme del governo risponde a tale finalita’. Riguardo al Kosovo, Joksimovic ha detto che la Serbia e’ pronta a proseguire nel dialogo con Pristina, ma solo dopo che saranno aboliti i dazi doganali maggiorati del 100% imposti sull’import serbo e bosniaco. Nel colloquio e’ stato constatato l’ottimo stato dei rapporti bilaterali, con l’Italia che resta un importante partner economico e politico della Serbia.