Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

L’Ambasciatore Lo Cascio apre la Tavola Rotonda “L’Italiano fuori l’Italia: le prospettive della collaborazione interuniversitaria regionale”

2018 11 28 news 01 2018 11 28 news 02

L’Ambasciatore Carlo Lo Cascio ha inaugurato stamattina presso la Facoltà di Filologia dell’Università di Belgrado la Tavola Rotonda “L’Italiano fuori l’Italia: le prospettive della collaborazione interuniversitaria regionale”. Alla riunione hanno partecipato più di trenta professori di lingua e letteratura italiana provenienti dalle Università di Serbia, Croazia, Montenegro, Bosnia ed Erzegovina, Macedonia, Slovenia, Ungheria, Romania, Albania, Austria, Turchia. Organizzata dalla Facoltà di Filologia dell’Università di Belgrado in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado, la Tavola Rotonda si è posta come obiettivo quello di condividere progetti e metodi di ricerca dell’italianistica.

Nel suo saluto inaugurale, l’Ambasciatore ha messo in luce il particolare rilievo che la lingua e la cultura italiana assumono in Serbia nel quadro della complessiva presenza italiana nel Paese e le molte potenzialità e ricadute positive connesse allo sviluppo di progetti interuniversitari. L’Ambasciatore ha ricordato che il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale promuove l’attività dei Dipartimenti e delle Cattedre di italianistica in Serbia come negli altri Paesi, allo stesso tempo accompagnando il processo di internazionalizzazione del sistema universitario italiano.

“Proprio attraverso il reciproco arricchimento del lavoro dei dipartimenti e degli studiosi di diversi Paesi” ha sottolineato l’Ambasciatore “si realizza una delle principali finalità perseguite dalla rete del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale nella promozione dell’italiano “fuori d’Italia””. L’Ambasciatore Lo Cascio ha concluso auspicando che questo primo, assai promettente incontro contribuisca alla creazione di nuove opportunità di collaborazione e allo sviluppo di progetti di studio e ricerca a beneficio della lingua e della cultura italiana in Serbia e nella regione.