Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

5° Conferenza della Piattaforma di Collaborazione Italo-Serba nelle Tecnologie Avanzate di Produzione –ISCP

fem 5630news  fem 5667news 
 fem 5673news  fem 5720news

Nuovi modelli di collaborazione tra Italia e Serbia nelle tecnologie avanzate

Si è tenuta ieri presso il rettorato dell’università di Novi Sad la quinta conferenza annuale della Piattaforma di Collaborazione Serbo – Italiana nelle Tecnologie Avanzate di Produzione – ISCP 2018.

Suddiviso in tre panel, l’incontro di ieri è stato un’occasione per presentare i risultati che la piattaforma di collaborazione ha ottenuto negli anni passati e il piano per i prossimi cinque anni nonché per creare un legame ancora più forte tra ricerca e imprenditoria per l’industria 4.0.

I lavori di conferenza sono stati aperti dal presedente della piattaforma ISCP Michele Merola e dal vice primo ministro della Vojvodina Djordje Milicevic e da un video messaggio dell’Ambasciatore d’Italia Carlo Lo Cascio.

Nel suo discorso, Milicevic ha sottolineato che l’Italia e la Serbia hanno relazioni economiche altamente sviluppate, il che testimonia anche lo scambio commerciale che nel 2017 ha raggiunto circa quattro miliardi di euro. Da un lato, l’Italia è il primo mercato di esportazione per l’economia serba, e dall’altro un gran numero di aziende italiane ha investito il loro capitale in Serbia: secondo la stima circa 2,2 miliardi di euro, creando così 23.000 posti di lavoro, di cui quasi 12.000 in Vojvodina.

“Questa è un’opportunità per sviluppare ulteriormente la nostra ottima collaborazione”, ha dichiarato Milicevic, aggiungendo che la piattaforma ISCP offre appunto la possibilità di estendere questa collaborazione anche al settore dell’innovazione e di ricerca scientifica.

Il presidente della piattaforma ISCP, Michele Merola, ha dichiarato che Novi Sad e Vojvodina sono state scelte per quest’ultima edizione della conferenza a causa della forte concentrazione industriale, il 70% delle imprese italiane che operano in Serbia sono concentrate in Vojvodina, ma anche per la forte vocazione accademica. Merola ha aggiunto che l’attenzione e il sostegno del governo provinciale dimostrano la volontà di rendere la Serbia ancora più forte nel suo percorso verso l’Europa.

Nell’ambito della conferenza è stato anche firmato l’accordo sull’adesione dell’Università di Novi Sad alla piattaforma ISCP.

La conferenza ISCP2018 è stata organizzata con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica d’Italia a Belgrado e del Governo della provincia autonoma della Vojvodina, mentre il comitato organizzatore, come negli anni precedenti è stato composto da: Accademia di Scienze Ingegneristiche di Serbia (ASIS), Associazione Italiana di Automazione e Meccatronica (AIdAM) – socio e partner di Confindustria Serbia, Confindustria Serbia, Associazione degli Scienziati e Studiosi Italiani e Serbi (AIS3), Camera di Commercio della Serbia, Associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione (UCIMU) e ICE.

(Fonte Confindustria Serbia)

media serbi:
RTVOJVODINA – http://rtv.rs/sr_lat/vojvodina/novi-sad/novi-modeli-saradnje-srbije-i-italije-u-naprednim-tehnologijama_926945.html
DNEVNIK – https://www.dnevnik.rs/politika/milicevic-novi-modeli-saradne-srbije-i-italije-u-naprednim-tehnologijama-14-06-2018
VIDEO TV VOJVODINA – https://www.youtube.com/watch?v=f4xU9H6n2Gc
RTV PANONIJA – http://rtvpanonija.rs/milicevic-novi-modeli-saradnje-srbije-i-italije-u-naprednim-tehnologijama/
VLADA VOJVODINE