Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

ICE organizza a Belgrado seminario viticoltura con degustazione vini e pasticceria

Diplomazia italiana: Serbia, Ice organizza seminario viticoltura con degustazione vini e pasticceria

Belgrado, 24 nov – (Nova) – L’ufficio di Belgrado dell’Agenzia per il commercio estero (Ice) ha organizzato oggi un seminario sulla viticoltura presso la sede di Palazzo Italia. Il seminario e’ stato tenuto dall’enologo Barbara Tamburini che ha inoltre guidato, insieme allo chef pasticciere di Alma Alessandro Petito, una sessione di degustazione di vini dolci a cui sono stati abbinati dessert preparati per l’occasione, al termine del corso di pasticceria che lo chef ha tenuto presso l’Istituto alberghiero di Belgrado. “E’ l’Italia il primo partner della Serbia nel settore agroalimentare, con una crescita delle esportazioni italiane nel 2017 pari al 1 3,5 per cento, per un valore totale di 65,5 milioni di euro”, ha detto il direttore dell’Ice di Belgrado Marina Scognamiglio, in apertura del seminario sulla viticoltura che si e’ svolto oggi a Palazzo Italia a Belgrado.

E’ per raggiungere questo obiettivo che l’Agenzia Ice ha investito circa 320 mila euro in attivita’ promozionali per la Serbia, solo nel settore agroalimentare nel 2017, attivita’ che sono cominciate nei primi sei mesi dell’anno con la Borsa dei vini, con la partecipazione istituzionale alla Fiera di Novi Sad anche con diversi eventi collaterali, attivita’ di promozione presso i ristoranti e le catene di distribuzione e la stampa specializzata. Come follow up di queste attivita’ e in concomitanza con la Settimana della cucina italiana nel mondo, lanciata dall’ambasciata italiana a Belgrado, l’Ice, in collaborazione con il ministero dell’Agricoltura serbo, ha organizzato oggi un Seminario dal ti tolo “Dall’uva al vino: alcuni momenti fondamentali”. “L’eccellenza del vino italiano che abbiamo approfondito oggi e’ rappresentata da una punta di diamante, ovvero i vini passiti. Una produzione, in molti casi limitata, proveniente da cinque regioni italiane diverse, con una importante tradizione vitivinicola alle spalle”, ha affermato l’enologo Tamburini al termine dell’evento.

Durante il seminario il rappresentante dell’azienda italiana “Vinifera Nieri” ha inoltre presentato due macchine italiane innovative di cui una sgranellatrice per la fase di ricevimento dell’uva in cantina e un’altra con un sistema di filtrazione e raffinamento del vino per la fase di post-fermentazione. La strategia di promozione dell’agroalimentare in Serbia rientra in una piu’ generale campagna di comunicazione mondiale in questo settore che l’Ice ha lanciato attraverso il brand “The Extraordinary Italian Taste” gia’ l’anno scorso e che quest’anno ha rinnovato con la creazione del filmato “The Fifth Element” che richiama l’idea dei quattro elementi base a cui la creativita’ italiana aggiunge il quinto.