Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Italia-Serbia: +7,7% export in primi sette mesi 2017

Italia-Serbia: +7,7% export in primi sette mesi 2017
Continua il trend positivo nell’interscambio commerciale

(ANSAmed) – BELGRADO, 3 OTT – Nei primi 7 mesi del 2017 l’Italia si è confermata un partner economico fondamentale per la Serbia. In particolare, come ha reso noto oggi la nostra Ambasciata a Belgrado sulla base dei dati forniti dall’Istituto nazionale di statistica serbo, l’Italia ha incrementato le proprie esportazioni verso il Paese balcanico, con 1,157 mld di euro (+7,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno), mantenendo altresì il suo ruolo di principale importatore dalla Serbia, con 1,235 mld di euro (dato praticamente invariato rispetto ai primi sette mesi del 2016).

Continua dunque il trend positivo del commercio bilaterale, che nel 2016 aveva registrato una crescita del 3,5% del nostro export e dello 0,4% delle importazioni italiane dalla Serbia.

Nel 2016, le categorie merceologiche principalmente esportate verso la Serbia hanno visto al primo posto il settore auto motive, seguito da merci non categorizzate e da tessuti e filati, mentre le nostre importazioni dalla Serbia hanno registrato al primo posto il settore auto motive, seguito da abbigliamento e calzature.

Nella prima metà del 2017, per l’export italiano nel Paese balcanico è cresciuta la quota del tessile e delle macchine di impiego generale che si piazzano rispettivamente al secondo e terzo posto, con una crescita costante anche dei prodotti di metallo e gomma. Tutto ciò rappresenta un segnale positivo per il rafforzamento e la diversificazione delle nostre esportazioni. Per quanto riguarda l’import italiano, esso ha mantenuto sostanzialmente invariata la sua composizione nelle categorie di vertice.


Serbia-Italia: export italiano in crescita del 7,7 per cento nei primi 7 mesi dell’anno

Belgrado, 03 ott 15:30 – (Agenzia Nova) – Le esportazioni dell’Italia verso la Serbia sono aumentate nei primi 7 mesi dell’anno del 7,7 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I dati, pubblicati dall’Istituto nazionale serbo di statistica e rilanciati dall’Ambasciata d’Italia a Belgrado, confermano l’Italia come partner economico fondamentale per il paese balcanico. In particolare, l’Italia ha incrementato le proprie esportazioni con 1,157 miliardi di euro, mantenendo anche il suo ruolo di principale importatore dalla Serbia con 1,235 miliardi di euro (dato praticamente invariato rispetto ai primi sette mesi del 2016). Prosegue dunque la tendenza positiva del commercio bilaterale, che nel 2016 aveva registrato una crescita del 3,5 per cento del nostro export e dello 0,4 per cento delle importazioni italiane dalla Serbia.

Nel 2016, le categorie merceologiche principalmente esportate verso la Serbia hanno visto al primo posto il settore automotive, seguito da merci non categorizzate e da tessuti e filati, mentre le nostre importazioni dalla Serbia hanno registrato al primo posto il settore automotive, seguito da abbigliamento e calzature. Nella prima metà del 2017, per l’export italiano nel paese balcanico è cresciuta la quota del tessile e delle macchine di impiego generale che si piazzano rispettivamente al secondo e terzo posto, con una crescita costante anche dei prodotti di metallo e gomma. Tutto ciò rappresenta un segnale positivo per il rafforzamento e la diversificazione delle nostre esportazioni. Per quanto riguarda l’import italiano, esso ha mantenuto sostanzialmente invariata la sua composizione nelle categorie di vertice.