Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Ambasciatore Manzo con Ministro Difesa Vulin – Verso la partnership strategica

incontro con il Ministro della Difesa Vulin

 

Il dialogo intensivo verso la partnership strategica

Il Ministro della Difesa, Aleksandar Vulin e l’Ambasciatore italiano, Giuseppe Manzo hanno parlato oggi dell’ulteriore incremento della cooperazione tra i due paesi nel campo della difesa.

Il Ministro Vulin e l’Ambasciatore Manzo hanno convenuto che la Serbia e l’Italia non sono soltanto paesi amici, ma anche partner strategici che basano la loro cooperazione in tutti i settori sul dialogo intenso e frequenti incontri ad alto livello, come confermato dagli incontri intergovernativi. Vulin ha confermato che il Ministero della Difesa resta dedicato ai principali settori di cooperazione che riguardano la formazione e la specializzazione, la partecipazione congiunta alle operazioni di pace, le attività di intelligence e ricognizione e la cooperazione medico-militare. Il Ministro della Difesa ha dichiarato che l’eccellente cooperazione militare-militare, oltre alla formazione di unità speciali e squadre specializzate nella rimozione degli ordigni inesplosi, sarà ulteriormente incrementata attraverso la partecipazione alle esercitazioni congiunte. La prossima visita in Italia del Comandante delle Forze Aeree e della Difesa contraerea serba contribuirà al rafforzamento della cooperazione nel settore dell’aviazione.

Il Ministro Vulin ha detto che l’Italia rappresenta anche un partner economico di prim’ordine e un investitore leader, sottolineando l’importanza di migliorare la cooperazione economica militare, che è di interesse reciproco.

Durante l’incontro si è discusso circa l’attuale situazione della sicurezza, sia nel mondo che nella regione. Il ministro Vulin ha detto che la Serbia sta cercando di cooperare allo stesso modo con tutti i paesi del mondo, dedicata alla politica di pace, rispetto del diritto internazionale, l’integrità territoriale e la sovranità.

“In tali circostanze, cerchiamo di garantire la vita normale della comunità serba in Kosovo e Metohija, attraverso i mezzi pacifici, dove solo la KFOR è riconosciuta come partner e responsabile di stabilità” – ha detto Vulin e ancora una volta ha ringraziato gli appartenenti delle Forze Armate d’Italia per l’impegno professionale nell’ambito della KFOR.

L’intenzione di Pristina di aderire all’UNESCO e all’Interpol rappresenta un azione unilaterale che viola la Carta delle Nazioni Unite e la risoluzione in vigore e ha un impatto negativo sulla ulteriore corso del dialogo, che si trova in una fase delicata, ha sottolineato il ministro della Difesa e ha concluso che gli obiettivi sono: il mantenimento della stabilità politica nella zona, il proseguimento dei negoziati con i rappresentanti del governo provvisorio a Pristina, il rafforzamento economico dei serbi e la prosecuzione del supporto per il loro ritorno.

(Fonte: Sito del Ministero della Difesa della Repubblica di Serbia – 31 agosto 2017)

 

Vulin e Manco: Attraverso il dialogo verso il partenariato strategico

Il Ministro della Difesa Aleksandar Vulin e l’Ambasciatore d’Italia a Belgrado Giuseppe Manco oggi hanno parlato dell’ulteriore incremento della cooperazione tra i due paesi nel campo della difesa.

I due interlocutori hanno convenuto che la Serbia e l’Italia non sono soltanto paesi amici ma anche partner strategici e che la cooperazione tra i due paesi è basata su un dialogo intenso e su frequenti incontri ad alto livello, come confermato dagli incontri inter governativi.

 

incontro con il Ministro della Difesa Aleksandar Vulin  incontro con il Ministro della Difesa Aleksandar Vulin 

(Fonte: TANJUG – 31 agosto 2017 16:42)