Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Balcani: Confindustria Serbia, pace e stabilità regionale per una vera crescita economica

Balcani: Confindustria Serbia, pace e stabilità regionale per una vera crescita economica

Belgrado, 30 set – (Nova) – La stabilità politica e la pace nella regione dei Balcani sono le condizioni essenziali per una vera crescita economica: è questo il concetto ribadito dal presidente di Confindustria Serbia, Erich Cossutta, nel corso della quinta Assemblea generale dell’associazione tenuta ieri presso l’hotel Metropol a Belgrado. In un discorso pronunciato nel momento pubblico dell’Assemblea generale dell’associazione, Cossutta ha ribadito l’importanza della Serbia come potenziale motore del futuro sviluppo economico dell’area, nonché’ l’impegno dell’associazione a istituire collaborazioni e diventare un attore sempre più regionale. “Proprio in quest’ottica – ha aggiunto Cossutta – l’economia è però sempre più legata alla dimensione politica e a quella necessità di pace e stabilità che deve essere posta come condizione sine qua non nonostante le sfide che si possono presentare”.
Il presidente di Confindustria Serbia ha sottolineato l’apprezzamento, da parte degli imprenditori di Confindustria Serbia, del lavoro svolto in questa direzione dal premier serbo, Aleksandar Vucic, e dalla squadra di governo da lui guidata. Cossutta ha poi espresso l’augurio, da parte degli imprenditori italiani, di poter contribuire sempre di piu’ al progressivo avvicinamento della Serbia all’Unione europea. “Per fare questo pensiamo sia giusto puntare sulle risorse maggiori del tessuto sociale, in particolare le donne e i giovani, e su un patrimonio culturale che testimonia il forte legame fra i paesi dell’area ed il resto d’Europa”, ha detto Cossutta elencando alcune fra le iniziative svolte nel corso dell’anno. Cossutta ha inoltre sottolineato l’importanza della formazione al lavoro e dell’istruzione dei giovani, per cui “noi come Confindustria siamo pronti a dare tutto il nostro supporto logistico e la nostra esperienza imprenditoriale”. Il presidente di Confindustria Serbia ha infine ribadito l’importanza nel paese di settori come il digitale, ma anche dei progetti infrastrutturali di collegamento fra i paesi della regione.

L’evento presso l’hotel Metropol ha contato la presenza dell’ambasciatore d’Italia a Belgrado, Giuseppe Manzo, oltre che dei rappresentanti del governo serbo e di esponenti della rete confindustriale nazionale, come Alberto Baban, presidente di Piccola Industria e vicepresidente di Confindustria e Giordano Riello, presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria Veneto. L’ambasciatore Manzo ha sottolineato come Confindustria Serbia sia una parte importante del Sistema Italia nel paese balcanico. “Confindustria Serbia e’ un pezzo importante del Sistema Italia – ha osservato Manzo – , paese che della Serbia e’ il primo partner economico. L’innovazione, insieme alla connettività sia nelle grandi infrastrutture che nelle reti tra giovani della regione, sara’ al centro del Vertice dei Balcani Occidentali che l’Italia ospita nel 2017 e nel quale un ruolo importante e’ affidato proprio dalla nostra comunita’ imprenditoriale al fianco delle istituzioni pubbliche”.