Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Innovazione. Nasce rete tra ricerca e industria Area Adriatica

INNOVAZIONE. NASCE RETE TRA RICERCA E INDUSTRIA AREA ADRIATICA
FIRMATO A TRIESTE MEMORANDUM INTESA TRANSFRONTALIERA PACINNO-NETVAL

(DIRE) Trieste, 28 set. – Potenziare il trasferimento tecnologico tra realta’ scientifiche e imprese e favorire collegamenti tra ricerca e industria nell’area Adriatica. Sono questi gli obiettivi della rete transnazionale degli uffici di trasferimento tecnologico, nata a Trieste con la firma del memorandum d’intesa tra le realta’ aderenti al progetto internazionale di collaborazione transfrontaliera Pacinno (Institute Mihajlo Pupin di Belgrado in Serbia, il Centre of Excellence for Biosensors Instrumentation and Process Control in Slovenia, la Facolta’ di Medicina dell’Universita’ di Rijeka in Croazia, la Facolta’ di Economia di Podgorica in Montenegro, la School of Economics and Business di Sarajevo in Bosnia ed Erzegovina, la Ionian University di Corfu’ in Grecia e l’Universita’ di Tirana in Albania) e Netval, l’associazione che raccog lie 57 universita’ italiane e 8 enti pubblici di ricerca.

“La nostra ossessione e’ quella di trasferire l’innovazione alle imprese- ha detto Andrea Piccaluga presidente di Netval-. Un obiettivo che siamo riusciti a centrare solo grazie al concetto di sharing. Attraverso la condivisione di saperi e competenze e’ possibile raggiungere risultati brillanti. Dobbiamo lavorare in team, con un mix di personale accademico e amministrativo, realizzare una rete dedicata al trasferimento tecnologico con il contributo, anche economico, di tutte le universita’, anche quelle meno famose e meno efficienti in questo settore. Crediamo fortemente nelle reti particolarmente democratiche”.

Grazie alla collaborazione tra Pacinno e Netval sara’ quindi possibile potenziare le capacita’ operative degli uffici di trasferimento tecnologici creati in questi anni nell’area Adriatica e migliorare le performance di spin-off accademici e imprese gia’ presenti sul mercato. La collaborazione getta inoltre le basi per attivita’ di formazione dedicate alla gestione della proprieta’ intellettuale e alla creazione di ulteriori spin-off universitari, favorendo eventi di networking e promuovendo summer school dedicate al trasferimento tecnologico. (Ass/ Dire)