Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Mostra fotografica Esercito serbo

PER L’ESERCITO SERBO – MOSTRA FOTOGRAFICA

copertina del libro

 

Nel pieno dell’inverno del 1915-1916, l’Esercito serbo, incalzato dalle armate degli Imperi centrali che avevano sfondato il fronte in Serbia, fu costretto a ritirarsi verso il mare attraverso i monti, seguito in massa dai civili. Giunto sulle coste dell’Adriatico, l’esercito venne tratto in salvo grazie ad un’eccezionale operazione umanitaria e militare dalla Regia Marina italiana, con il concorso di Unità francesi e inglesi, che assicurò il trasferimento dell’intero esercito serbo sull’altra sponda dell’Adriatico.

Dal 12 dicembre 1915 fino al 29 febbraio 1916, sulle navi italiane scortate dalla Regia Marina, vennero trasportati 260.895 profughi e militari serbi, 24 soldati austriaci prigionieri dell’Esercito serbo, 10.153 cavalli, 68 pezzi di artiglieria e 300.000 quintali di materiale bellico. L’operazione si compose di 248 viaggi, nel corso dei quali vennero impiegate 350 navi, e assieme all’Esercito furono tratti in salvo anche il Governo serbo e i vertici militari del Paese, il Re Pietro I Karađorđević e il Reggente Alessandro II. Furono inoltre imbarcati e portati in salvo anche 6.000 soldati montenegrini e il Re del Montenegro Nicola I assieme alla famiglia reale.

L’impresa della Marina italiana rimase fino ad oggi pressoché sconosciuta nonostante il fatto che tra gli alleati della Triplice Intesa l’Italia sostenne quasi in totalità il peso e la responsabilità del salvataggio dell’esercito e della popolazione serba e montenegrina.

L’impresa ebbe anche una forte valenza strategica e cambiò le sorti della Grande Guerra. Lo sfondamento, ad opera dell’esercito, del fronte balcanico nel 1918 (evento che anticipò e permise la grande offensiva sul fronte occidentale che segnò la fine della Prima Guerra Mondiale) non si sarebbe infatti compiuto senza il salvataggio dell’esercito serbo compiuto alcuni anni prima dalla Regia Marina italiana sulle sponde del mare in Albania.

Allo stesso tempo, quest’intervento della Marina italiana fu una vera e propria “operazione umanitaria” ante literam e rappresenta fino ai giorni nostri la più importante, vasta ed articolata operazione di aiuto e soccorso tra i popoli di tutti i tempi.

01 02 03 04
 05  06  07  08
 09  10  11  12
20  21 
22 23

 

 Centenario della Prima Guerra Mondiale. Storie di eroismo ed amicizia tra Italia e Serbia