Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

La presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini ha ricevuto la presidente del Parlamento serbo Maja Gojkovic

Presidente Boldrini con la Presidente Gojkovic 

Immigrazione: Boldrini “Muri non hanno mai risolto nulla”

ROMA (ITALPRESS) – La presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, ha ricevuto a Montecitorio la presidente del Parlamento della Repubblica di Serbia, Maja Gojkovic. Al centro del colloquio la crisi dei rifugiati che sta coinvolgendo anche il Paese balcanico e il percorso di integrazione e allargamento dell’ Unione europea.

“Voglio complimentarmi con la Serbia per il modo in cui sta facendo fronte all’ emergenza”, ha detto la presidente Boldrini. “Le decisioni del governo ungherese – ha aggiunto – stanno mettendo in difficoltà non soltanto voi, per la gestione dei rifugiati, ma anche tutti coloro che nell’ Unione europea considerano valore fondamentale il rispetto dei diritti umani. I muri non hanno mai risolto nulla”.

La presidente Gojkovic, parlando del flusso dei migranti, ha sottolineato: “Ci ha stupito vedere tra i profughi tanti bambini non accompagnati e donne sole o con figli piccoli. Stiamo accogliendo i rifugiati in modo solidale, ma ci stiamo facendo carico degli interventi che non arrivano dall’ Ue, dalla quale ci attendiamo invece una risposta veloce e congiunta. I muri fomentano anche le attività illegali, perchè chi vuole andare in Germania troverà comunque il modo di farlo. E contrastano gravemente con i valori dell’ Europa unita, della quale noi speriamo di entrare presto a far parte”.

“La vicenda siriana conferma – ha messo in evidenza a sua volta la Boldrini – che se non si risolvono i conflitti, i problemi ricadono su tutti. La guerre possono finire, ma ci vuole la volontà politica per fermarle, come dimostra anche la recente storia dei Balcani”. La presidente della Camera ha illustrato alla presidente Gojkovic la Dichiarazione europea sottoscritta questa settimana a Montecitorio insieme ai presidenti dei Parlamenti tedesco, francese e lussemburghese: “perchè è indispensabile – ha detto – che di fronte alle sfide globali l’ Europa faccia un salto in avanti verso un’ Unione federale di Stati, gli Stati Uniti d’ Europa”.

Piena condivisione è stata espressa anche su questa prospettiva dalla presidente Gojkovic: “Siamo grati all’ Italia – ha detto – per il suo appoggio alla richiesta serba di aderire all’ Ue. Nelle nostre più recenti elezioni le forze europeiste hanno conseguito la totalità dei seggi parlamentari. E’ importante che non venga consentito a qualche Paese di violare i valori fondanti della politica europea”.

La presidente Gojkovic ha infine formulato l’ invito ad una visita in Serbia che la presidente Boldrini si è detta ben lieta di accogliere.

Italia – Serbia: presidente parlamento serbo Gojkovic a Roma incontra Boldrini e Grasso

Roma, 17 set – (Nova) – La presidente del parlamento serbo, Maja Gojkovic, ha incontrato oggi a Roma la presidente della Camera, Laura Boldrini, ed il presidente del Senato, Piero Grasso. Si tratta per la Gojkovic della prima visita a Roma ed è avvenuta su invito della presidente della Camera Boldrini. Oltre all’ incontro con la presidente della Camera, la Gojkovic ha avuto anche un incontro con il presidente del Senato Piero Grasso. Fra i temi al centro degli incontri vi sono stati il percorso d’ integrazione europea della Serbia, la crisi migratoria, lo sviluppo della cooperazione economica e l’ intensificazione delle relazioni fra i due parlamenti. Secondo una nota dell’ ufficio di presidenza del parlamento di Belgrado, la Gojkovic ha ringraziato l’ Italia per il costante e forte sostegno al processo di integrazione europea della Serbia, confermato dalle riunioni odierne come pure dall’ approvazione della risoluzione presso il senato italiano a favore dell’ apertura dei primi capitoli dei negoziati di adesione Serbia-Ue.

La Gojkovic ha auspicato un’ apertura al più presto dei primi capitoli nell’ ambito dei negoziati Serbia-Ue, e si è detta convinta che i partner italiani si impegneranno affinchè tale apertura possa avvenire entro la fine di quest’ anno. La Gojkovic e la Boldrini hanno inoltre discusso, secondo il comunicato diramato da Belgrado, della crisi migratoria in atto e della necessità di adottare una politica europea comune per la sua risoluzione, soprattutto tenendo conto dei diritti umani come valore europeo fondante. La Boldrini, secondo il comunicato di Belgrado, ha lodato la Serbia per la gestione della crisi migratoria, aggiungendo che il modo con cui affronta tale crisi mostra la forza delle istituzioni democratiche.

La presidente del parlamento di Belgrado ha dichiarato che la Serbia compie tutto in linea con il diritto internazionale e gli standard umanitari, per rendere più facile la situazione e contribuire alla soluzione di un problema con il quale “dobbiamo confrontarci insieme”, secondo le parole della presidente del parlamento serbo. La Gojkovic ha ribadito che la Serbia desidera una politica europea comune sulla questione, e che in questo senso è pronta ad assumere su di se’ la propria parte di peso nella risoluzione della crisi. Nel corso della visita sono stati infine affrontati i temi delle riforme economiche portate avanti dal governo in Serbia. I partner italiani, conclude la nota di Belgrado, hanno detto di seguire il processo delle riforme, e che tale processo aumenta la possibilità di investimenti aggiuntivi e di una crescita dell’ interscambio commerciale.