Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

L’ Autorita’ nazionale anticorruzione ha firmato un protocollo d’ intesa con l’ analoga Authority serba, l’ Aca

Firma del protocollo d'intesa tra ANAC e ACA


Corruzione: Cantone, verso rete Authority paesi ex Jugoslavia

Oggi firmato protocollo di cooperazione con Autorita’ Serbia

(ANSA) – ROMA, 22 SET – L’ Autorita’ nazionale anticorruzione ha firmato un protocollo d’ intesa con l’ analoga Authority serba, l’ Aca. E questo, insieme al protocollo gia’ firmato con l’ Autorità del Montenegro, rappresenta un passo importante per “sviluppare l’ idea di una rete di collaborazione tra tutte le autorità dei Paesi della ex Jugoslavia”, come ha sottolineato il presidente dell’ Anac, Raffaele Cantone. L’ intesa siglata con la Serbia vede l’ Italia, insieme con la Spagna, fornire una collaborazione, mediata dall’ Ue, nella lotta e nella prevenzione dei fenomeni corruttivi. Un progetto che si attuerà con diverse linee di intervento, tra cui l’ attivita’ di formazione del personale dell’ agenzia serba, il monitoraggio delle misure previste nel piano anticorruzione nazionale, l’ organizzazione di seminari e workshop per i funzionari pubblici e le associazioni di categoria, l’ analisi del quadro legislativo serbo e quello delle prassi adottate nei diversi paesi europei. E’ previsto anche un supporto costante nel paese, con la presenza di un magistrato, Eugenio Turco.

“In Serbia – ha spiegato Tatjana Babic, direttrice dell’ Aca – la percezione della corruzione da parte dei cittadini resta molto elevata, nonostante gli sforzi che si stanno compiendo. Rafforzare le misure anticorruzione e’ centrale anche nell’ ambito del processo di adesione all’ Unione europea”. “Nel nostro paese – ha aggiunto il presidente del cda dell’ Autorita’ serba, Zoran Stojilikovic – c’ e’ una corruzione si tipo sistemico e politico, agevolata anche dalla crisi economica”.

L’ Autorita’ anticorruzione serba, a differenza di quella italiana, non e’ competente in materia di appalti, mentre si occupa di finanziamenti alla politica e di conflitto di interessi ed e’ soprattutto sul fronte del miglioramento delle procedure di prevenzione che funzionerà la collaborazione con l’ ente italiano. Diversi gli incontri in agenda per i rappresentanti dell’ Aca: oggi con la Guardia di finanza e il comandante generale Saverio Capolupo; col procuratore nazionale antimafia Franco Roberti; col direttore Affari penali del
ministero della Giustizia Raffaele Piccirillo; domani col Presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri e con rappresentanti della Funzione pubblica e dell’ Agcom.

Cantone: creare collaborazione con agenzie anticorruzione Balcani
Babic (Serbia): strategica la cooperazione con l’ Anac

Roma, 22 set. (askanews) – Dopo il rafforzamento dell’ intesa con il Montenegro e la firma del protocollo con l’ agenzia anticorruzione della Serbia, ora l’ obiettivo dell’ Anac “è quello di creare una rete di collaborazione stabile per lo scambio di buone prassi con le agenzie dei paesi della ex Jugoslavia e dei Balcani”. Lo ha spiegato il presidente dell’ Anac, Raffaele Cantone, che questa mattina ha firmato un protocollo d’ intesa sulla cooperazione per la prevenzione della corruzione con Tatjana Babic, direttore dell’ Aca, l’ agenzia anticorruzione serba.

Una collaborazione che prevede lo scambio di esperienze per il rafforzamento dei meccanismi anticorruzione, la formazione del personale con seminari e workshop dedicati ai funzionari pubblici e alle associazioni di categoria, puntando sulla prevenzione.

Babic ha definito “strategica” la collaborazione con l’ Anac, perchè “in Serbia la percezione della corruzione, nonostante gli sforzi attivati fino ad ora e il via libera alla strategia nazionale di contrasto, è sempre alta”.