Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

La Regione Friuli Venezia Giulia ha aperto l’ufficio in Serbia

BLIC

La Regione Friuli Venezia Giulia ha aperto un suo ufficio a Belgrado. La sede istituzionale non è solo una rappresentanza ma, soprattutto, un punto di riferimento per gli imprenditori della regione italiana che hanno investimenti o sono interessati ad investire in Serbia, ma anche per le istituzioni che stanno collaborando con il Governo.

La sede dell’ufficio è presso la Camera di Commercio di Belgrado, mentre il Governo serbo ha messo i locali a disposizione dell’ufficio senza alcun rimborso.

L’apertura dell’Ufficio di Friuli Venezia Giulia è un passo aggiuntivo nelle ormai vicine relazioni tra la Regione e la Serbia che sono stati confermati l’anno scorso durante una visita ufficiale del presidente della Regione Debora Serracchiani a Belgrado. In quella occasione è stato deciso di rinnovare il protocollo di collaborazione tra la FVG e la Serbia firmato nel 2009 e recentemente scaduto. La Farnesina ha quindi firmato un’altra volta il protocollo. Si è in attesa della sua ratifica da parte del Ministero degli Esteri serbo.

Nell’ambito della collaborazione con la Serbia, questa settimana si è tenuta a Belgrado la conferenza “Serbia-Italia: una nuova strategica di cooperazione” organizzata dalla Regione FVG, Area Science Park di Trieste, Ente nazionale per il microcredito e Ministero dell’Istruzione serbo. Hanno partecipato all’evento il premier Aleksandar Vucic, l’ambasciatore d’Italia Giuseppe Manzo, il presidente dell’Area Science Park Adriano Di Maio, presidente dell’Ente nazionale per il microcredito Mario Baccini e presidente della Società italiana per l’organizzazione internazionale Franco Frattini ed i rappresentanti della FVG.

Nell’occasione, l’Area Science Park ha presentato una bozza di programma dell’assistenza tecnica nell’ambito di transfer tecnologico e di sviluppo economico e finanziario che si inseriscono nella cornice dei progetti IPA – strumento offerto dall’UE con l’obiettivo di integrazione dell’area balcanica nell’Unione Europea.