Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Ambasciatore d’Italia Giuseppe Manzo a Subotica con il Sindaco Jene Maglai

Sindaco di Subotica Jene Maglai e Ambasciatore Giuseppe Manzo

Il Sindaco di Subotica Jene Maglai ha ricevuto oggi, presso la Sala Verde del Municipio, l’Ambasciatore d’Italia in Serbia Giuseppe Manzo.

I due hanno discusso di un approfondimento della collaborazione economia e culturale e della possibilità di aumentare la presenza della lingua e cultura italiana nella nostra città. Ha partecipato all’incontro il direttore generale dell’impresa Elektroremont AD, Carmine Tarallo.

Esprimendo la gratitudine per la visita e sottolineando che a Subotica operano imprese italiane che investono nella nostra città, il sindaco Maglai ha dichiarato che esistono le condizioni affinchè la collaborazione tra l’Italia e Subotica possa intensificarsi e che l’amministrazione locale sosterrà la diffusione della lingua, cultura ed arte italiana.

Ringraziando per l’accoglienza, l’ambasciatore Manzo ha ricordato che il Governo italiano, al fine di sostenere lo sviluppo economico della Serbia, ha approvato una linea di credito di 30 milioni di euro per la realizzazione del progetto “Programma di sviluppo del settore privato a supporto delle piccole e medie imprese attraverso il sistema bancario nazionale”, aggiungendo che ciò darà ai cittadini di Subotica la possibilità di usare la linea di credito per le PMI con tassi d’interesse convenienti (4,35% al livello annuo).


L’idea è di approvare, attraverso alcune banche locali, i crediti alle PMI serbe per la fornitura di equipaggiamenti e tecnologie italiane, ha detto Manzo, aggiungendo che il previsto grace period è di massimi due anni e che il periodo di restituzione è fino a otto anni in rate semestrali.


Secondo lui, Subotica, vista la sua storia ricca e la tradizione culturale, dovrebbe essere, oltre a Belgrado, Novi Sad e Nis, un centro di eventi culturali in Serbia. Lui ha sottolineato che l’interesse dell’Italia di avere la presenza della lingua e cultura italiana anche a Subotica e in quel senso ha proposto di allestire nella nostra città la mostra delle fotografie che lo scorso 4 novembre, il Giorno dell’unità nazionale e delle Forze armate d’Italia, è stata inaugurata presso la sede delle Cineteca Jugoslava, a Belgrado, intitolata “Per l’esercito serbo – una storia dimenticata” (fatte sulla base dell’edizione reprint curata dalla giornalista RAI Mila Mihajlovic).
La mostra, ha spiegato, è una storia sull’amicizia italiano-serba e ricorda un momento speciale della storia ed un’importante operazione di salvataggio dell’esercito serbo alla fine del 1915 e all’inizio del 1916, dopo l’invasione dell’esercito austroungarico, quando la Marina italiana aveva salvato più di 260.000 militari serbi.

L’ambasciatore Manzo ha proposto di formare quanto prima a Subotica un’associazione chiamata “Piazza Italiana” il cui obiettivo sarebbe diffondere e curare la lingua italiana e i valori culturali dell’Italia.


Sindaco di Subotica Maglai e l'Ambasciatore Manzo


GALLERIA FOTOGRAFICA