Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Presidente del Parlamento serbo a Montecitorio

(Nova) – La visita del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, prevista a Belgrado il prossimo 25 maggio è “l’ ennesimo segnale delle nostre buone relazioni e del supporto dell’ Italia” al percorso europeo della Serbia. Lo ha detto ad “Agenzia Nova” la presidente del parlamento serbo, Maja Gojkovic, a margine della Conferenza dei presidenti del parlamenti dell’ Unione europea conclusa oggi a Montecitorio. “Ho avuto la possibilità di avere un breve colloquio con il presidente Mattarella nell’ ambito dell’ incontro al Quirinale con i rappresentanti dei parlamenti presenti alla conferenza. Il presidente sarà in visita ufficiale nel mese di maggio per colloqui con i massimi rappresentanti del paese: si tratta di un altro segnale importante”, ha detto la Gojkovic.
L’ Italia è un partner economico e politico “estremamente importante per la Serbia”, come
confermato anche dall’ ultimo investimento della Ferrero. Lo ha detto ad “Agenzia Nova” la presidente del parlamento serbo, Maja Gojkovic, a margine della Conferenza dei presidenti del parlamenti dell’ Unione europea conclusa oggi a Montecitorio. “Gli investimenti in Serbia, soprattutto quelli dell’ Italia, sono aumentati. Abbiamo investimenti di primo piano come quelli di Fiat e Benetton, che hanno aperto le loro produzioni in Serbia. Solo ieri la compagnia Ferrero ha acquisito la compagnia agroalimentare Aleksa Santic:  questo significa che tutte le leggi adottate nell’ Assemblea indicano e permettono gli investimenti in Serbia”, ha detto la Gojkovic.
Il gruppo italiano Ferrero ha effettuato l’ acquisizione degli immobili della proprietà
agricola serba Aleksa Santic. La superficie totale della proprietà è di 699,5 ettari e l’ acquirente è la società Agriser, con sede a Belgrado, di proprietà della Ferrero. Il prezzo d’ acquisto è di 7,95 milioni di euro. Agriser era l’ unico partecipante all’ asta per la vendita dell’ azienda agricola di Sombor. Il terreno è stato venduto al prezzo stabilito come base d’ asta e servirà ad impiantare una coltivazione di nocciole.