Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

I ristoranti Comunale e Lavina si aggiudicano il Marchio ospitalità italiana 

(Nova) – I ristoranti Comunale e Lavina di Belgrado hanno vinto il premio “Marchio ospitalità italiana” consegnato dalla Camera di commercio italo-serba. La cerimonia è avvenuta nella serata di ieri presso la sede del ristorante Comunale, ed il riconoscimento è stato
conferito dal presidente della Camera italo-serba, Claudio Cesario. All’evento erano presenti numerosi esponenti dell’imprenditoria serba ed italiana a  Belgrado, oltre che l’ambasciatore d’Italia in Serbia, Giuseppe Manzo. Il premio viene conferito dalla Camera di commercio italo-serba a nome dell’istituto italiano Isnart (Istituto nazionale ricerche turistiche). L’obiettivo del progetto è quello di sviluppare e promuovere la tradizione dei prodotti italiani, valorizzare la cultura enogastronomica dell’ Italia, migliorare l’immagine e sostenere i ristoranti italiani nel mondo che rispettano gli standard qualitativi del “Marchio ospitalità italiana”.
I ristoranti premiati nel mondo ripropongono le ricette originali, preparate con ingredienti autentici ed in un ambiente che evoca quello italiano. “I ristoranti italiani aventi il ’Marchio ospitalità  italiana’ – ha detto Cesario – sono luoghi dove si possono apprezzare davvero i piatti italiani tipici, preparati secondo ricette italiane protette, utilizzando esclusivamente ingredienti a Denominazione di origine protetta (Dop) e Indicazione geografica protetta (Igp). In questo senso – ha proseguito – i ristoranti rappresentano anche una vetrina dell’eccellenza dell’Esposizione universale Expo 2015 il cui tema principale è appunto ’Nutrire il pianeta, energia per la vita’“. I ristoranti belgradesi in possesso del “Marchio ospitalità italiana” sono presenti anche sul sito italianqualityexperience.it, piattaforma lanciata dal sistema camerale in vista di Expo 2015.