Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Balkan Wine Expo 2015 a Belgrado promuove vini e oli italiani

Ambasciatore Giuseppe Manzo al Balkan Wine Expo 2015

GALLERIA FOTOGRAFICA


(Nova) – Si è tenuta oggi presso il Belexpocenter di Belgrado la manifestazione Balkan Wine expo, che promuove i vini italiani nel mercato dei Balcani. L’evento, che vede l’organizzazione della casa editrice Bacco Arianna di Treviso e della sua rivista specializzata Papageno, ha visto la presentazione di oltre 30 produttori di vino, raggruppati principalmente in due grandi consorzi, quello di Lugana e l’Unione consorzi vini veneti doc. Sono state presentate circa 300 etichette dei migliori vini italiani e i prodotti di sei aziende del comparto dell’olio d’oliva extravergine. Balkan Wine Expo è dedicata soprattutto ai professionisti di settore, fra cui importatori, distributori, hotel, ristoranti, sommelier, oltre che ai rappresentanti dei media.

L’ evento ha previsto la degustazione di etichette dei vini di Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli, Toscana, Abruzzo e Puglia. Secondo Alvaro De Anna, redattore responsabile delle rivista “Papageno”, la cultura vinicola in Serbia è ad un buon livello e il paese è al momento una destinazione strategica per molte categorie dei prodotti italiani. “Siamo a Belgrado per la
seconda edizione – ha dichiarato – perchè in Serbia esiste il maggiore interesse per vini italiani, e la prova di ciò è il successo della manifestazione dell’ anno scorso. Balkan Wine Expo è riuscito a costruire una rete dei nostri produttori e dei vostri distributori e possiamo dire con l’ orgoglio che, con soddisfazione reciproca, l’offerta dei vini italiani e delle grappe nei vostri ristoranti è ancora
più grande”.

L’ambasciatore d’Italia a Belgrado, Giuseppe Manzo, si è recato oggi nello spazio espositivo per un incontro con gli organizzatori. “L’obiettivo – ha osservato Manzo – è conquistare mercati nuovi e per questo con grandi potenzialità, dove i marchi italiani, anche di aziende vinicole piccole e medie possano trovare opportunità di crescita al di là dei tradizionali mercati di destinazione. Delle 40  aziende che hanno partecipato alla prima edizione lo scorso anno, 25 hanno già trovato distributori e acquirenti serbi e vogliamo far diventare questa iniziativa del Veneto un appuntamento fisso del calendario promozionale di Belgrado”.