Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Ministri Alfano ed Orlando al Forum ministeriale Ue-Balcani occidentali in materia di giustizia e affari interni

Forum ministeriale UE-Balcani Occidentali in materia di giustizia e affari interni     Forum ministeriale UE-Balcani Occidentali in materia di giustizia e affari interni (foto TANJUG)

GALLERIA FOTOGRAFICA


GALLERIA VIDEO



Serbia: concluso Forum Ue-Balcani occidentali con partecipazione ministri Interno e Giustizia di Roma


Belgrado, 12 dic 15:17 – (Agenzia Nova) – Il lavoro condotto nel corso del Forum ministeriale Ue-Balcani occidentali in materia di giustizia e affari interni è stato ampio e ha portato a risultati concreti. E’ questa la valutazione del ministro dell’Interno italiano Angelino Alfano, a chiusura dei lavori che hanno visto insieme i ministri dell’Interno e della Giustizia di Serbia, Montenegro, Albania, Bosnia-Erzegovina, Repubblica ex jugoslava di Macedonia (Fyrom) e Kosovo in quanto paesi dei Balcani occidentali. Hanno partecipato anche i ministri dell’Italia, che sta terminando la presidenza di turno dell’Ue, e quelli di Lettonia e Lussemburgo, che assumeranno la presidenza nell’arco del 2015, oltre che agenzie europee e associazioni regionali competenti. Hanno infine partecipato ai lavori il commissario Ue per la Migrazione, affari Interni e cittadinanza, Dimitris Avramopoulos, e il commissario Ue per la Giustizia, la tutela dei consumatori e l’uguaglianza di genere, Vera Jourova.


Una tale partecipazione, ha precisato Alfano in una conferenza stampa conclusiva, ha consentito di portare avanti un lavoro proficuo con risultati concreti, quale ad esempio l’approvazione di un piano d’azione 2015-2019 sul traffico d’armi. Fra gli argomenti di pertinenza del ministero dell’Interno, ha detto Alfano, sono stati discussi quelli relativi alla collaborazione nella lotta al crimine organizzato, immigrazione illegale, traffico di esseri umani, lotta al terrorismo internazionale, i cosiddetti “foreign fighters” e la liberalizzazione dei visti verso l’Unione europea. “L’incontro – ha osservato Alfano – rafforza la collaborazione fra l’Unione europea e questo quadrante di assoluta importanza strategica per tali tematiche”.


Secondo il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, anche nel settore della Giustizia sono stati affrontati temi molto significativi e sono stati registrati segnali importanti, a cominciare dal paese che ospita l’evento, ovvero la Serbia. La discussione, secondo Orlando, è stata concentrata anche su temi di rilievo per la quotidianità, come ad esempio “cosa fa la giustizia dopo la crisi del 2008, come reagisce e come è in grado di adeguare i propri strumenti”. Fra i temi affrontati vi sono stati quelli delle insolvenze e della giustizia civile, ma anche quelli legati al fenomeno della criminalità organizzata, per capire quali strumenti sono più efficaci. In questo contesto sono stati dunque discussi anche i temi della cooperazione giudiziaria e della confisca dei beni di provenienza illecita. “Non possiamo fronteggiare questi fenomeni – ha concluso Orlando – se non sappiamo darci una strategia comune”.



Serbia-Italia: ministro Interno Alfano, rafforzare partenariato su materie di interesse comune come sicurezza


Belgrado, 12 dic 10:18 – (Agenzia Nova) – Sono stati aperti i lavori a Belgrado del Forum ministeriale Ue-Balcani occidentali in materia di giustizia e affari interni. All’apertura dei lavori hanno presenziato i ministri italiani dell’Interno e della Giustizia, rispettivamente Angelino Alfano e Andrea Orlando, in rappresentanza della presidenza italiana dell’Ue. Nel suo discorso introduttivo Alfano ha sottolineato l’importanza dell’evento per il rilievo che assumono tali materie nelle prospettive strategiche dell’Ue. “La sicurezza riguarda tutti noi europei, e le politiche sono destinate a diventare comuni per tutti – ha detto Alfano – . Per questo rafforziamo il partenariato su materie di interesse comune come queste”.


L’apertura dei lavori ha visto intervenire anche i ministri serbi dell’Interno Nebojsa Stefanovic e della Giustizia Nikola Selakovic. Il Forum, che si tiene nella sede di Palazzo Serbia, vede al centro argomenti quali diritti, giustizia e sicurezza, che sono affrontati nei capitoli 23 e 24 dei negoziati di adesione della Serbia all’Unione europea. Nel corso della giornata saranno trattate questioni come la lotta contro il terrorismo e la criminalità organizzata, il traffico di esseri umani, la liberalizzazione dei visti, la riforma della Giustizia. Verranno infine analizzate le questioni relative ai diritti fondamentali, con particolare attenzione alle donne e ai bambini.


La conferenza conta la presenza dei ministri dell’Interno e della Giustizia di Serbia, Montenegro, Albania, Bosnia Erzegovina, Repubblica ex jugoslava di Macedonia (Fyrom) e Kosovo in quanto paesi dei Balcani occidentali. Sono presenti anche i ministri dell’Italia, paese che sta terminando la presidenza di turno dell’Ue, e quelli di Lettonia e Lussemburgo, che assumeranno la presidenza nell’arco del 2015.



Serbia-Italia: ministri Alfano e Orlando oggi a Belgrado per Forum Ue-Balcani occidentali

Belgrado, 12 dic 08:20 – (Agenzia Nova) – I ministri dell’Interno e della Giustizia italiani, Angelino Alfano e Andrea Orlando, apriranno oggi a Belgrado in rappresentanza della presidenza italiana dell’Ue il Forum ministeriale Ue-Balcani occidentali in materia di giustizia e affari interni. L’apertura dei lavori sarà effettuata insieme agli omologhi serbi, rispettivamente il ministro dell’Interno, Nebojsa Stefanovic, e quello della Giustizia, Nikola Selakovic. Il Forum, secondo una nota pubblicata sul sito dei due dicasteri serbi, si terrà presso la sede di Palazzo Serbia. Al centro dei lavori saranno i capitoli 23 e 24 dei negoziati di adesione all’Unione europea, riguardanti le materie di diritti, giustizia e sicurezza. Verranno inoltre affrontate le questioni relative alla lotta contro il terrorismo e la criminalità organizzata, il traffico di esseri umani, la liberalizzazione dei visti, la riforma della Giustizia. Verranno infine analizzate le questioni relative ai diritti fondamentali, con particolare attenzione alle donne e ai bambini.



Ue-Balcani: Alfano e Orlando a Forum Belgrado Conferenza su lotta a criminalita’ e terrorismo

(ANSA) – BELGRADO, 12 DIC – I ministri dell’Interno e della Giustizia, Angelino Alfano e Andrea Orlando, in rappresentanza della presidenza italiana dell’Unione europea, hanno aperto stamane a Belgrado un Forum Ue-Balcani  occidentali sulla lotta comune a criminalita’ organizzata, corruzione e terrorismo. “La sicurezza e’ un tema che riguarda tutti noi europei, e per questo le politiche europee in questo ambito sono destinate a diventare comuni”, ha detto Alfano aprendo i lavori  della conferenza. Cio’, ha aggiunto, impone un “rafforzamento del nostro partenariato”. Il ministro dell’Interno serbo Nebojsa Srefanovic ha sottolineato da parte sua i risultati concreti conseguiti dalle forze dell’ordine serbe nella lotta a corruzione e  criminalita’, punti questi “molto importanti nel nostro cammino europeo”. Anche nel contrasto al terrorismo e al traffico di droga e di esseri umani, ha aggiunto, la Serbia e’ impegnata a fondo. “Ci aspettiamo  la rapida apertura dei primi capitoli negoziali con la Ue, per cercare di chiudere il processo di armonizzazione entro il 2018”, ha affermato Stefanovic. Alla riunione di Belgrado sono presenti i ministri  di interno e giustizia di nove Paesi – Serbia, Montenegro, Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia e Kosovo, piu’ Italia Lettonia e Lussemburgo (i due
 altri Paesi della presidenza Ue nel 2015). Ieri sera i ministri Alfano e Orlando erano intervenuti all’inaugurazione di una mostra su Giambattista Tiepolo organizzata in occasione della chiusura del semestre di presidenza italiana della Ue. In precedenza avevano
 visitato la procura speciale anticrimine della Serbia, e in particolare la sala intitolata al giudice Giovanni Falcone.



I ministri dell’Interno e della Giustizia, Angelino Alfano e Andrea Orlando, hanno visitato giovedì 11 dicembre, il Tribunale Superiore di Belgrado, dove hanno incontrato il Ministro della Giustizia serbo Nikola Selakovic, il Presidente del Tribunale Superiore Aleksandar Stepanovic e Procuratore Speciale per la Criminalità Organizzata Miljko Radisavljevic.

Ministri Alfano, Selakovic e Orlando al Tribunale Superiore di Belgrado


Ministri Orlando e Selakovic con Procuratore Radisavljevic e Ambasciatore Manzo al Tribunale Superiore di Belgrado


Presidente Stepanovic, Ministro Orlando, Ambasciatore Manzo, Ministri Alfano e Selakovic davanti all'aula Giovanni Falcone