Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Sulla stampa serba la “La via maestra” di Giorgio Napolitano

Agenzia NOVA:


Belgrado, 14 apr 09:22 – (Agenzia Nova) – Da oggi e fino a mercoledì i lettori serbi potranno trovare in tutte le edicole del paese la versione in lingua serba della prefazione a firma del presidente della Repubblica italiana, Giorgio Napolitano, del volume “La via maestra. L’Europa e il ruolo dell’Italia nel mondo”. Grazie ad un’intesa con l’ambasciata d’Italia a Belgrado, il quotidiano “Politika” che ha da poco celebrato i suoi 110 anni pubblicherà in esclusiva, sui numeri di oggi, martedì e mercoledì, il testo con il quale Napolitano apre il suo libro realizzato assieme al giornalista del quotidiano “La Repubblica” Federico Rampini, e pubblicato lo scorso anno al termine del primo mandato al Quirinale. “Il 2014 ha un valore speciale per la Serbia che ha iniziato l’anno con la storica apertura dei negoziati di adesione all’Unione Europea, di cui l’Italia dal primo luglio avrà la presidenza”, scrive l’ambasciatore italiano in Serbia, Giuseppe Manzo, nell’introdurre la prima parte pubblicata oggi sul giornale serbo.

“Proprio l’Europa – prosegue Manzo – rappresenta l’imprescindibile riferimento culturale, oltre che politico, attorno al quale si sviluppano le riflessioni di un convinto europeista quale è il presidente Giorgio Napolitano”. Manzo ha inoltre ringraziato la direttrice del quotidiano di Belgrado, Liljiana Smailovic, per “l’entusiasmo” con il quale ha subito aderito all’iniziativa. Nella prima puntata in edicola oggi il testo è pubblicato con la foto del presidente Napolitano affiancata a quella di Altiero Spinelli, figura storica dell’europeismo e considerato uno dei padri fondatori dell’Unione Europea. “La via maestra”, sotto forma di un dialogo/conversazione con Federico Rampini, ripercorre le fasi principali del settennato 2006-2013 di Giorgio Napolitano al Quirinale, oltre che le direttrici dell’azione internazionale del presidente fondata sui pilastri dell’europeismo e dell’atlantismo.



Agenzia ANSA:


Italia-Serbia: su Politika “La Via Maestra” di Napoletano. Iniziativa del quotidiano belgradese e Ambasciata d’Italia

(ANSAmed) – BELGRADO, 14 APR – Da oggi e fino a mercoledì i lettori serbi potranno trovare in tutte le edicole del Paese la versione in lingua serba della prefazione a firma del Presidente Napolitano del volume “La Via Maestra“. L’Europa e il ruolo dell’Italia nel mondo”.

Grazie ad un’intesa con l’Ambasciata italiana il più autorevole quotidiano di Belgrado, che ha da poco celebrato i 110 anni, pubblicherà in esclusiva, sui numeri di oggi, martedì e mercoledì, il testo con il quale il Presidente della Repubblica apre il suo libro realizzato con il giornalista di Repubblica Federico Rampini e pubblicato lo scorso anno al termine del suo primo mandato al Quirinale.

“Il 2014 ha un valore speciale per la Serbia che ha iniziato l’anno con la storica apertura dei negoziati di adesione all’Unione Europea, di cui l’Italia dal primo luglio avrà la presidenza. E proprio l’Europa rappresenta l’imprescindibile riferimento culturale, oltre che politico, attorno al quale si sviluppano le riflessioni di un convinto europeista quale e’ il Presidente Giorgio Napolitano”: così scrive l’ambasciatore italiano in Serbia, Giuseppe Manzo, nell’introdurre la prima parte pubblicata oggi su “Politika” e nel ringraziare la direttrice del quotidiano di Belgrado, Ljiljana Smajlovic, per “l’entusiasmo” con il quale ha subito aderito all’iniziativa.

Nella prima puntata in edicola oggi il testo è pubblicato con la foto del Presidente Napolitano affiancata a quella di Altiero Spinelli, figura storica dell’europeismo considerato uno dei padri fondatori dell’Unione Europea.

“La Via Maestra”, sotto forma di un dialogo/conversazione con Federico Rampini, ripercorre le fasi principali del settennato 2006-2013 di Giorgio Napolitano al Quirinale e le direttrici dell’azione internazionale del Presidente fondata sui pilastri dell’europeismo e dell’atlantismo.