Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Serbia: Bilancio positivo della Camera di Comercio italo-serba. Prima per numero associati. Simoncelli, in 2013 cambio di passo

2014_01_28 Camera di Commercio italo serba

(ANSAmed) – BELGRADO, 29 GEN – La Camera di Commercio italo-serba consolida e rafforza la sua presenza nel Paese balcanico, con conti in crescita e in utile e un forte incremento degli iscritti, arrivati alla cifra record di 245 unita’. Questa la sintesi dell’assemblea tenutasi ieri presso la sede della Delta Holding che ha visto la presenza di oltre 120 associati. 

Il presidente della Camera, Andrea Simoncelli, ha sottolineato come il 2013 sia stato un anno che ha segnato il “cambio di passo” nelle capacita’ organizzative della Camera, con una crescita di circa 140 soci in soli dodici mesi che l’ha fatta diventare la prima per numero di associati in Serbia. Tali esiti sono il risultato di un’attivita’ estremamente intensa, che tradotta in numeri ha significato 11 missioni imprenditoriali B2B, piu’ di 5000 contatti telefonici e oltre 2000 email.

Nel 2013 il fatturato della Camera di Commercio italo-serba e’ cresciuto rispetto al 2012 di circa il 25%, superando i 15,5
milioni di dinari (circa 131 mila euro). L’assemblea e’ stata preceduta da un saluto dell’Ambasciatore d’Italia a Belgrado, Giuseppe Manzo, il quale ha sottolineato come i successi della Camera siano i successi di un intero sistema Paese che intende operare orgogliasamente sotto la bandiera nazionale in un Paese che nello scorso anno ha visto incrementare il peso economico dell’Italia.

La Camera di Commercio italo-serba ha stretto nel corso dell’anno appena passato numerosi accordi con istituzioni camerali italiane e serbe, unitamente a numerose altre istituzioni, quali centri di imprenditoria, istituti di ricerca e incubatori di impresa.