Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Gruppo Teatrale Sezione italiana Terzo Liceo di Belgrado: MILLE VOLTI DIETRO UNA MASCHERA di Luigi Pirandello

Gruppo Teatrale Sezione italiana Terzo Liceo di Belgrado

Gruppo Teatrale Sezione italiana Terzo Liceo di Belgrado


Lo spettacolo teatrale in un atto, liberamente ispirato al romanzo “Uno, nessuno e centomila” di Luigi Pirandello nella regia di Strahinja Savic, organizzato dal Terzo Liceo di Belgrado-sezione italiana in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura in Belgrado, si e’ svolto a Belgrado il 22 ottobre 2013 presso il  Centro Culturale Studentesco.


L’introduzione allo spettacolo e’ stata fatta da Dragana VASIC, Preside del Terzo Liceo di Belgrado e da Sira MIORI, Direttore Istituto Italiano di Cultura e Coordinatore d’Area, mentre S.E. Giuseppe MANZO, Ambasciatore d’Italia in Serbia ha salutato i presenti.


Nell’ambito del programma di scambi culturali con il Liceo “Virgilio” di Milano,il Gruppo Teatrale degli studenti della sezione italiana del Terzo Liceo di Belgrado, presenta un atto unico ispirato al romanzo “Uno, nessuno e centomila” di Luigi Pirandello, spettacolo con il quale ha partecipato nel mese di maggio del 2013 alla XIX Rassegna Internazionale di Teatro Classico Scolastico di Altamura.


I giovani attori del Gruppo Teatrale, affascinati dall’attualità delle problematiche affrontate dal grande scrittore siciliano, da sempre interessato agli studi psicanalitici, portano sulla scena la ricerca disperata dell’uomo moderno, che non riesce a distinguere la propria vera identità dalla percezione che gli altri hanno della sua persona.
Una banale osservazione da parte della moglie del protagonista, Vitangelo Moscarda, che nota un’imperfezione nel naso del coniuge, fa scattare nell’uomo la consapevolezza che l’immagine che egli ha di se stesso non corrisponde a quella di chi gli sta intorno. Moscarda inizia così un’affannosa ricerca della propria identità, che lo condurrà, fatalmente, alla follia…