Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

La disciplina degli ingressi dalla Serbia in Italia (aggiornamento al 31/08/2021)

Data:

31/08/2021


La disciplina degli ingressi dalla Serbia in Italia (aggiornamento al 31/08/2021)

Scroll down for English


Considerato l’aggravarsi della situazione epidemiologica in Europa, la Farnesina raccomanda a tutti i connazionali di evitare viaggi all’estero se non per ragioni strettamente necessarie.

Si fa altresì presente che considerato l’alto numero dei contagi in molti Paesi europei, non si possono escludere future ulteriori restrizioni agli spostamenti che rischierebbero di complicare eventuali rientri in Italia.

Analoghe problematiche di rimpatrio potrebbero verificarsi, con incidenza ben più grave, in caso di viaggi verso destinazioni extra-UE. Si ricorda che è disponibile all'indirizzo: https://infocovid.viaggiaresicuri.it/ un questionario interattivo per verificare la normativa italiana in vigore in merito agli spostamenti da/per l’estero.

 

INGRESSO/RIENTRO IN ITALIA DA PAESI DELL’ELENCO D – DISCIPLINA GENERALE

La Serbia si trova nella lista ‘D’. Dal 31 agosto al 25 ottobre 2021 (fatta salva la possibilità di adottare provvedimenti diversi in questo lasso di tempo), in base all’Ordinanza 29 luglio 2021 e all’Ordinanza 28 agosto 2021, all’ingresso/rientro in Italia, se nei quattordici (14) giorni precedenti si è soggiornato/transitato in un Paese dell’elenco D, è obbligatorio presentare al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli, tutti e 3 i documenti di seguito riportati:

1. un formulario on-line di localizzazione (denominato anche digital Passenger Locator Form (dPLF), in forma digitale o cartacea, gia’ debitamente compilato;

2. la certificazione “verde” COVID-19, rilasciata al completamento del ciclo vaccinale ovvero certificazione equipollente, emessa dalle autorità sanitarie estere a seguito di vaccinazione validata dall’EMA* (Agenzia Europea per i Medicinali);

3. un certificato che attesti il risultato negativo di un test molecolare o antigenico, effettuato nelle settantadue (72) ore precedenti l’ingresso in Italia.

In caso di mancata presentazione della certificazione indicata al punto 2, è comunque possibile entrare in Italia ma è fatto obbligo di:

  • Sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria (informando la ASL competente per attivare la sorveglianza) presso l’indirizzo indicato nel dPLF, per un periodo di cinque (5) giorni.

  • Effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico, al termine dei cinque (5) giorni di isolamento.


Per consultare l’Ordinanza del Ministero della Salute del 28 agosto 2021, cliccare qui.

Qui di seguito è possibile consultare l'elenco dei laboratori presenti a Belgrado, aperti anche nei giorni festivi, in cui è possibile effettuare il test rapido antigenico (link).
I test antigenici e PCR possono essere anche eseguiti nel laboratorio statale del Terminal 1 dell'aeroporto Nikola Tesla di Belgrado, aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7. I risultati dovrebbero essere disponibili entro 1 o 2 ore. Il pagamento può essere effettuato presso l'ufficio postale, aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, accanto al laboratorio. ( https://www.srbija.gov.rs/vest/en/174066/covid-19-testing-centre-opened-at-belgrade-nikola-tesla-airport.php )

IN SINTESI CHECK LIST PER EVITARE L’ISOLAMENTO FIDUCIARIO E LA SORVEGLIANZA SANITARIA–

AL MOMENTO DELLA PARTENZA, È NECESSARIO ESSERE IN POSSESSO DI:

  • CERTIFICATO DIGITALE COVID-19 RILASCIATO, AL TERMINE DEL PRESCRITTO CICLO, A SEGUITO DI AVVENUTA VACCINAZIONE (CERTIFICATO VACCINALE RILASCIATO DALLE AUTORITA’ SANITARIE ITALIANE)

OPPURE

  •  CERTIFICAZIONE RILASCIATA DALLE AUTORITÀ SANITARIE ESTERE A SEGUITO DI UNA VACCINAZIONE CON VACCINO VALIDATO DALL’AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI* (EMA)

 
  •  TEST MOLECOLARE O ANTIGENICO NEGATIVO RISALENTE A NON PIU’ DI 72 ORE DALL’INGRESSO


*Le vaccinazioni approvate dall’Agenzia Europea per i Medicinali sono Pfizer-BionTech, Moderna, Astrazeneca, Johnson&Johnson.

 

DEROGHE


Con Ordinanza 29 luglio 2021, prorogata fino al 25 ottobre 2021, la disciplina relativa alle esenzioni ha subito alcune modifiche. Di seguito, sono elencate le categorie che beneficiano di esenzioni complete o parziali. L’elenco delle categorie esentate non segue un ordine alfabetico, le lettere che lo caratterizzano fanno riferimento all’elenco contenuto all’art. 51 comma 7 del DPCM 2 marzo 2021, cui si riferisce anche l’Ordinanza 29 luglio 2021.

Oltre alla lettura delle informazioni riportate di seguito, si raccomanda di consultare attentamente anche il portale del Ministero della Salute dedicato al Nuovo Coronavirus, con particolare riferimento alle Deroghe.

I.ESENZIONE COMPLETA. Eccezione agli obblighi di certificazione verde/test molecolare o antigenico pre-partenza, isolamento e successivo test:

Fermo restando l’obbligo di compilazione del formulario digitale di localizzazione , in assenza di sintomi compatibili con COVID-19, gli obblighi, ove previsti, di Certificazione Verde Covid, di test molecolare o antigenico nelle 48 o 72 ore precedenti e di isolamento fiduciario di cinque (5) o dieci (10) giorni (a seconda della storia di viaggio) con successivo test molecolare o antigenico non si applicano:

a) all'equipaggio dei mezzi di trasporto;

b) al personale viaggiante;

c) ai movimenti da e per gli Stati e territori di cui all'elenco A;

l) ai lavoratori frontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora;

o) agli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana.

Rientrano nell’Esenzione Completa anche:

  1. chiunque transiti, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a trentasei ore, con l'obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di isolamento fiduciario per cinque (5) giorni presso l’indirizzo indicato nel dPLF e di effettuare un test molecolare o antigenico al termine dell’isolamento;
  2. chiunque faccia ingresso in Italia per un periodo non superiore alle centoventi (120) ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l'obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di isolamento fiduciario per cinque (5) giorni presso l’indirizzo indicato nel dPLF e di effettuare un test molecolare o antigenico al termine dell’isolamento;
  3. chiunque rientri nel territorio nazionale a seguito di permanenza di durata non superiore a quarantotto (48) ore in località estere situate a distanza non superiore a 60 km dal luogo di residenza, domicilio o abitazione, purché lo spostamento avvenga con mezzo privato;
  4. chiunque permanga per una durata non superiore alle quarantotto (48) ore in località del territorio nazionale situate a distanza non superiore a 60 km dal luogo estero di residenza, domicilio o abitazione, purché lo spostamento avvenga con mezzo privato.

Ai viaggiatori che rientrino nelle categorie 3) e 4) non si applica neppure l’obbligo di compilare il dPLF.

II. ESENZIONE PARZIALE: Eccezioni agli obblighi di isolamento e test successivo

Fermi restando gli obblighi di compilazione del formulario digitale di localizzazione (dPLF), e di test molecolare o antigenico nelle quarantotto (48) o settantadue (72) ore precedenti l’ingresso in Italia, e in assenza di sintomi compatibili con COVID-19, gli obblighi, ove previsti, di isolamento di cinque (5) o dieci (10) giorni con successivo test molecolare o antigenico non si applicano:

d) agli ingressi per motivi di lavoro regolati da speciali protocolli di sicurezza, approvati dalla competente autorità sanitaria;

e) agli ingressi per ragioni non differibili, previa autorizzazione del Ministero della salute e con obbligo di presentare al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli un'attestazione di essersi sottoposti, nelle quarantotto ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale, a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;

h) ai cittadini e ai residenti degli Stati e territori di cui agli elenchi A, B, C e D che fanno ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro oltre le 120 ore;

i) al personale sanitario in ingresso in Italia per l'esercizio di qualifiche professionali sanitarie, incluso l'esercizio temporaneo di cui all'art. 13 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18;

m) al personale di imprese ed enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all'estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a 120 ore;

n)  a funzionari e agenti, comunque denominati, dell'Unione europea o di organizzazioni internazionali, agenti diplomatici, personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, funzionari e impiegati consolari, personale militare, compreso quello in rientro dalle missioni internazionali, e delle Forze di Polizia, personale  del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e dei Vigili del fuoco nell'esercizio delle loro funzioni;

p) agli ingressi mediante voli «Covid-tested», conformemente all'ordinanza del Ministro della salute 23 novembre 2020 e successive modificazioni;

q) agli ingressi per competizioni sportive di interesse nazionale in conformità con quanto previsto dall'art. 49, comma 5 del DPCM 2 marzo 2021.

Per maggiori informazioni sul Green Pass: https://www.dgc.gov.it/web/

 

 INGRESSI DI MINORI

Ai fini dell’ingresso nel territorio nazionale, i bambini di età inferiore ai sei anni sono esentati dall’effettuazione del test molecolare o antigenico.

 

In caso di insorgenza di sintomi COVID-19, resta fermo l’obbligo per chiunque di segnalare tale situazione con tempestività all’Autorità sanitaria e di sottoporsi, nelle more delle conseguenti determinazioni dell’Autorità sanitaria, ad isolamento.

 

Lingua inglese:

Serbia is on the list 'D'. From 31 August to 25 October 2021 (without prejudice to the possibility of adopting different measures in this period of time), based on the Ordinance of 29 July 2021 and the Ordinance of 28 August 2021 of the Ministry of Health, upon entry/return to Italy, if within the fourteen (14) previous days you have stayed / transited in a country of list ‘D’, it is mandatory to show to the carrier at the time of boarding and to anyone in charge of carrying out the checks:

1. the online location form ,also called digital Passenger Locator Form - dPLF (available at the following link: https://app.euplf.eu/#/)

2. the "green" COVID-19 certification, issued upon completion of the vaccination cycle or equivalent certification, issued by the competent health authorities following vaccination validated by the EMA* (European Medicines Agency);

3. a certificate attesting the negative result of a molecular or antigen test, carried out in the seventy-two (72) hours preceding the entry into Italy, to be shown to anyone responsible for carrying out this verification.

In case of non-presentation of the certification indicated at point 2, it is still possible to enter Italy but it is mandatory to:

• undergo fiduciary isolation and health surveillance (informing the competent local Health Authorities to activate the surveillance) at the address indicated in the dPLF, for a period of five (5) days;

• carry out an additional molecular or antigen test at the end of the five (5) days of isolation.

(Click here to download all the measures and requirements).

Here you can find a list of laboratories in Belgrade, open also during Holidays, where you can carry out the rapid antigenic test (link)
Antigen and PCR tests are also carried out in the state laboratory in Terminal 1 of Belgrade Nikola Tesla Airport, which is open 24/7. The results should be available within 1 or 2 hours. Payment can be made in the post office, which is open 24/7, next to the laboratory. ( https://www.srbija.gov.rs/vest/en/174066/covid-19-testing-centre-opened-at-belgrade-nikola-tesla-airport.php )

* * *

Summing up: In order to avoid self-isolation and surveillance by the Health Authorities, it is necessary:

  • COVID-19 DIGITAL CERTIFICATE ISSUED, AT THE END OF THE PRESCRIBED VACCINATION CYCLE (VACCINATION CERTIFICATE ISSUED BY THE ITALIAN HEALTH AUTHORITIES)

    OR

    VACCINATION CERTIFICATE ISSUED BY THE FOREIGN HEALTH AUTHORITIES AFTER COMPLETING VACCINATION CYCLE WITH A VACCINE APPROVED BY THE EUROPEAN MEDICINS AGENCY (EMA)
  •  NEGATIVE ANTIGENIC OR MOLECULAR TEST NOT OLDER THAN 72 HOURS BEFORE ENTERING IN ITALY
  •  PASSENGER LOCATOR FORM


*Vaccinations approved by the European Medicines Agency are Pfizer-BionTech, Moderna, Astrazeneca, Johnson&Johnson.

 

EXEMPTIONS


As per Order of July 29, 2021, extended until October 25, 2021, the following categories of travellers may be fully or partially exempt from the requirements of an EU Digital Covid Certificate, self-isolation and subsequent test.

I. FULL EXEMPTION from the requirements of pre-departure testing/Certificate, self-isolation and subsequent testing

Provided that they do not show any symptoms compatible with Covid-19, the following travellers are exempt from the requirements under title I, but they are still required to fill out a Passenger Locator Form (dPLF).

  1.  Crew and travel personnel/hauliers;
  2.  People travelling to/from Countries in List A;
  3.  Cross-border workers;
  4.  Pupils and students to attend a course of study in a country other than their country of residence, dwelling or abode, to which they return every day or at least once a week;
  5.  Any person entering Italy for a period not exceeding 120 hours due to proven needs of work, health or absolute urgency, with the obligation, on expiry of that period, to leave the national territory immediately or, failing that, to begin the period of surveillance and fiduciary isolation;
  6.  Any person transiting, by private means, through Italian territory for a period not exceeding 36 hours, with the obligation, at the end of that period, to leave the national territory immediately or, failing that, to begin the period of surveillance and trustee isolation in accordance with paragraphs 1 to 5 of Prime Ministerial
     Decree of March 2, 2021;
  7.  Any person returning to Italy after a stay abroad of less than 48 hours and at a distance of less than 60 km from their home/domicile/residence in Italy, provided that they travel by private means of transportation.
  8.  Any person remaining in Italy for less than 48 hours, in areas of the national territory no further than 60 km from their home/residence/domicile abroad, provided that they travel by private means of transportation.

    Only travellers listed under points 7 and 8 are not required to fill out a dPLF either.

II. PARTIAL EXEMPTION from the requirements of self-isolation and subsequent testing

Provided that they do not show any symptoms compatible with Covid-19, the following travellers are exempt from the requirements under title II, but they are still required to fill out a Passenger Locator Form and to take a pre-departure test taken 48 or 72 hours before entering Italy or present a Covid certificate, depending on their travel history.
Personnel of companies and institutions with registered or secondary offices in Italy for travel abroad for proven work requirements of no more than 120 hours
Officials and other servants, however, they may be called, of the European Union or international organisations, diplomatic agents, administrative and technical staff of diplomatic missions, consular officials and employees, personnel of the Security Information System of the Republic and fire brigade workers, military and police staff in the performance of their duties.
• Health personnel entering Italy for the exercise of professional health qualifications, including the temporary exercise referred to in Article 13 of Decree-Law no. 18 of 17 March 2020.
• Citizens or residents of Countries in List A, B, C or D, travelling for proven work reasons for more than 120 hours.
• Passengers of “Covid-tested” flights, as defined by the Minister of Health with Order of November 23 2020. For further information on “Covid-tested” flights, kindly contact your airline.
• Travellers entering Italy for work reasons regulated by special security protocols, approved by the relevant health authority;
• Travellers entering Italy for non-deferrable reasons, authorized by the Italian Ministry of Health, with a certificate of a molecular or antigenic test carried out by means of a swab in the 48 hours before entering Italy, with negative result. Click here for further information.
• Athletes, commissioners, referees, foreign press and alike, irrespective of their travel history, entering Italy to take part in sporting events of national interest, as defined by Order of July 29, 2021.

A Few Examples

An Italian national has to undergo surgery in Italy, for an overall stay of 3 days. The Italian national is resident in Tunisia and travels from there. In this case, the person is not required to take a test or stay in self-isolation, but is still required to fill out a digital Passenger Locator Form. After 3 days, and in any case after 120 hours, he/she must leave national territory or self-isolate.

A Mexican national residing in the United States and travelling from the latter has to enter Italy for an important business meeting, for an overall stay of 4 days. The Mexican national is not required to self-isolate or to take a molecular test but he/she must fill out a digital Passenger Locator form. After 4 days or after a maximum of 120 hours, he/she must leave national territory or self-isolate.

An Australian national currently residing in South Africa seeks entry into Italy as he/she has been hired by a local company. The Australian national must take a molecular or antigenic test 72 hours before entering Italy and fill out a digital Passenger Locator Form, but he/she is not required to self-isolate once in Italy, regardless of the duration of his/her stay in Italy for work-related reasons.

Any employee (regardless of their nationality) of a company registered in Italy has to travel to Ethiopia in order to oversee a purchase for a client, for no longer than 5 days. Upon his/her return, he/she is required to take a molecular or antigenic test carried out in the 72 hours prior to entering Italy and fill out a digital Passenger Locator Form.

 

ENTRANCE OF MINORS

For the purposes of entering the national territory, children under the age of six are exempted from carrying out the molecular or antigen test.

In the event of the onset of COVID-19 symptoms, the obligation remains for anyone to report this situation promptly to the Health Authority and to undergo, pending the consequent determinations of the Health Authority, to isolation.

 

 


1292