Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Informazioni e avvertenze

 

Informazioni e avvertenze
  • Si ricorda che dal 25 settembre 2014, l’Ufficio visti dell’Ambasciata d’Italia a Belgrado ha adottato il Visa Information System. E' necessaria quindi la rilevazione delle impronte digitali al momento della richiesta di un visto Schengen. Tale rilevazione non si applica ai minori fino a 12 anni di età. Per ulteriori informazioni, consultare VIS.
  • In caso di domanda di visto per minori di 12 anni, la relativa pratica sarà presentata dai genitori o da chi ne ha la tutela legale.;
  • Ove non sia specificato diversamente, tutti i documenti richiesti devono essere presentati in originale più una copia ed avere data recente, non anteriore a tre mesi.
  • I passaporti devono avere una scadenza residuale minima di almeno tre mesi oltre la scadenza del visto richiesto.
  • La documentazione proveniente da paesi terzi ha valore solo se legalizzata (e tradotta in Italiano o lingue veicolari) secondo le forme d’uso.
  • L’Ambasciata d’Italia a Belgrado non ha la competenza e gli strumenti per effettuare valutazioni di merito sul profilo economico, commerciale e professionale di persone residenti in Paesi terzi, pertanto la documentazione presentata presso l’Ufficio Visti dell’Ambasciata d’Italia a Belgrado deve essere attinente allo status socio economico, commerciale  e professionale di attività svolte in Serbia.
  • In caso di viaggi in coppia o in gruppi, è consigliato presentare la copia del visto degli accompagnatori.
  • La presentazione della documentazione richiesta non comporta necessariamente il rilascio del visto. Al momento dell'ingresso in Italia e nell'area Schengen, anche se in possesso del visto, le Autorità di frontiera sono autorizzate a richiedere nuovamente la dimostrazione dei requisiti previsti per l'ottenimento del visto stesso.
  • Non è ammesso l’ingresso in cancelleria consolare di telefoni cellulari, personal computer e tablet. Si pregano pertanto i gentili utenti di provvedere nel rispetto della presente disposizione.
  • La concessione degli appuntamenti avviene a titolo gratuito e nelle forme esclusivamente autorizzate dall’Ambasciata. Solo per gli appuntamenti per i visti via Call Center, è previsto un costo del servizio per fissare un appuntamento pari a 300 dinari da corrispondere a Telekom Serbia con addebito sulla linea telefonica fissa del chiamante. Le informazioni via call center sono a titolo gratuito.
  • I formulari per i visti e ogni relativo modulo è a titolo gratuito. Ogni richiesta di denaro diversa da quella qui elencata e da qualsiasi fonte pervenga dovrà essere comunicata immediatamente agli uffici dell’Ambasciata d’Italia.
  • Eventuali proposte di intermediari non autorizzati rappresentano una frode e devono essere prontamente segnalate alle autorità locali e all’Ambasciata d’Italia.
  • Le domande di visto incomplete o contenenti documentazione poco chiara o contraddittoria comporteranno l'adozione di una decisione di diniego del visto.
  • La decisione in merito alla concessione o al diniego di una domanda di visto restano soggette alla valutazione di questa Ambasciata e che avverso le decisioni di diniego è possibile presentare ricorso al Tribunale Amministrativo del Lazio nei termini di legge.
  • Le informazioni riportate in questo sito dirette a facilitare il cittadino straniero che intenda chiedere un visto per recarsi in Italia, hanno valore puramente indicativo e non esaustivo. Per ulteriori elementi, gli interessati possono rivolgersi direttamente alla Rappresentanza Diplomatica o Consolare italiana competente per il luogo di stabile residenza.

1076