Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cooperazione culturale

 

Cooperazione culturale

Con l’apertura di Palazzo Italia nel 2006, nuova sede dell’Istituto di Cultura, la promozione culturale italiana in Serbia é entrata in una nuova fase, nella quale l’ambizione è quella di offrire dei servizi e delle manifestazioni di sempre più alto livello. Palazzo Italia è diventata la “vetrina” dell’Italia in Serbia ed è un centro di servizi e di informazione a disposizione del pubblico.

L’Ambasciata d’Italia, di concerto con l’Istituto Italiano di Cultura, promuove l’insegnamento e la diffusione dell’italiano, a tutti i livelli:

Nel settore universitario incentiva la nascita e l’attività dei dipartimenti di italianistica presso i maggiori atenei serbi. A Belgrado, dove è presente un lettorato presso la cattedra di italianistica del Dipartimento di filologia, sono state ampiamente superate le mille iscrizioni, facendo dell’italiano la seconda lingua più insegnata dopo l’inglese; a Novi Sad – dove è stato istituito un lettorato di ruolo – l’insegnamento della nostra lingua ha raggiunto la durata quadriennale e il numero di iscritti ha superato i duecento. Nel 2009 l'insegnamento dell'italiano è stato introdotto anche presso l'università di Kragujevac.

Nel settore della scuola secondaria media e superiore sono stati conseguiti notevoli progressi, come testimoniato dal fatto che l’italiano è stato inserito, nei programmi didattici delle scuole primarie e secondarie, tra le principali lingue d’insegnamento alla pari delle cosiddette “lingue universali”.

Una menzione a parte merita poi la recente creazione di una Sezione Bilingue italo - serba presso il prestigioso Terzo Liceo di Belgrado, che riceve oramai un numero di domande di iscrizione doppio rispetto ai posti disponibili.

Nel settore dei corsi di lingua organizzati dall’Istituto di Cultura, bisogna segnalare una costante crescita degli iscritti, che sono oggi 400, cui si aggiungono i 30 studenti dei corsi attivati presso l’Accademia diplomatica, gli oltre 200 dei corsi presso l’Accademia Militare, in collaborazione con il Ministero della Difesa serbo. Tutti i corsi sono organizzati tenendo conto del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue e sono suddivisi in livelli (da A1 a C2).

incentiva l’attività di formazione degli insegnanti, con l’organizzazione di corsi ad hoc in collaborazione con le maggiori Università italiane per stranieri nel corso del corrente anno finalizzati al conseguimento del Diploma CEDILS, con il Lettorato presso la cattedra di italianistica dell’Università di Belgrado, con i Ministeri della Pubblica Istruzione e dello Sport della Serbia e con l’Associazione degli insegnanti di italiano della Serbia. I corsi vengono organizzati continuativamente dal 2001 e insistono fortemente sui nuovi approcci didattici utilizzati in Italia per l’insegnamento delle lingue.

assegna borse di studio finanziate dal Governo italiano a studenti e ricercatori particolarmente meritevoli, per soggiorni di studio e di approfondimento delle conoscenze linguistiche in Italia.

contribuisce a progetti editoriali di traduzione, finanziati dal Ministero degli Affari Esteri italiano, di opere italiane in lingua serba, con l’obiettivo di intensificare lo scambio di idee tra Italia e la Serbia.

patrocina e promuove molti dei numerosi eventi culturali organizzati dall’Istituto di Cultura.

Tra le iniziative recentemente curate, ci sono:

Eventi culturali organizzati dall'IIC

(Visita anche la Pagina Facebook e la Rassegna Stampa dell'IIC)

Numerose iniziative vengono inoltre organizzate ogni anno in occasione della Settimana della Lingua italiana.

Maggiori dettagli, insieme al programma completo degli eventi aggiornato mensilmente, sono disponibili sul sito dell’Istituto Italiano di Cultura

Presso l'Istituto Italiano di Cultura di Belgrado si effettuano corsi di lungua italiana dal livello elementare a quello avanzato, sia diurni che serali.

 

 

 


36