Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Incontro dell’Ambasciatore Lo Cascio con il Presidente della Repubblica di Serbia Aleksandar Vucic

Data:

13/12/2019


Incontro dell’Ambasciatore Lo Cascio con il Presidente della Repubblica di Serbia Aleksandar Vucic

vucic lo cacsio news

Comunicato della Presidenza serba:

Il Presidente della Repubblica di Serbia Aleksandar Vucic ha ricevuto oggi l’Ambasciatore d’Italia Carlo Lo Cascio, il quale gli ha trasmesso i saluti del Presidente Sergio Mattarella e gli ha consegnato anche una sua lettera di auguri natalizi nella quale si auspica la pace, il progresso e la felicità del nostro Paese.

L’Ambasciatore Lo Cascio ha detto che l’Italia sostiene fortemente l’allargamento dell’Unione Europea e il percorso europeo della Serbia, aggiungendo che la prossima visita a Belgrado del Ministro per gli Affari Europei è prova di tale sostegno. Lui ha sottolineato che l’Italia è tra i sedici Paesi UE che hanno firmato la lettera inviata alla Commissione Europea, nella quale si ribadisce che l’integrazione europea è il migliore modo per provvedere alla stabilità ed alla sicurezza durature nei Balcani Occidentali

Il Presidente Vucic ha ringraziato per il costante sostegno che l’Italia offre all’integrazione europea della Serbia. Ha ribadito, allo stesso tempo, la necessità di avere un chiaro piano dell’allargamento UE e la tempistica di adesione, dato che il processo di integrazione europea è importante per la pace e per la stabilità nella regione. Il Presidente Vucic ha sottolineato che la Serbia, sempre con l’obiettivo della stabilità regionale, continuerà a promuovere la politica di pace e di collaborazione. Con riferimento a questo, il Presidente ha informato l’Ambasciatore dell’iniziativa di attuazione delle quattro libertà - libera circolazione delle persone, delle merci, dei servizi e dei capitali - nei Balcani Occidentali. L’Ambasciatore Lo Cascio ha detto che tale iniziativa è importante per la regione.

I due interlocutori si sono detti soddisfatti dell’ottimo livello delle relazioni bilaterali tra la Serbia e l’Italia, aggiungendo che esiste lo spazio per rafforzare la collaborazione economica. L’Ambasciatore Lo Cascio ha dichiarato che cresce sempre di più l’interesse delle PMI italiane per operare in Serbia, il che dimostra una sempre migliore situazione economica nel nostro Paese.

Il Presidente Vucic si è detto convinto che il Governo serbo prenderà a breve una decisione per aiutare la Regione Veneto nel sanare le conseguenze della recente acqua alta a Venezia.

-

Italia-Serbia: Lo Cascio a Vucic, appoggio a integrazione Ue

(ANSAmed) - BELGRADO, 13 DIC - Il forte sostegno dell'Italia all'allargamento della Ue e al processo di integrazione europea della Serbia è stato sottolineato dall'Ambasciatore Carlo Lo Cascio, in un colloquio oggi a Belgrado con il presidente serbo Aleksandar Vucic. Espressione di tale appoggio, ha osservato l'Ambasciatore, è l'imminente visita a Belgrado del ministro per gli affari europei Vincenzo Amendola. L'Italia, ha osservato Lo Cascio, è uno dei sedici Paesi membri della Ue firmatari della lettera alla commissione europea nella quale si afferma che l'integrazione europea è il modo migliore per garantire stabilità duratura e sicurezza nei Balcani occidentali. Come ha reso noto la presidenza serba in un comunicato, l'Ambasciatore ha trasmesso a Vucic i saluti del presidente della repubblica Sergio Mattarella, unitamente agli auguri per il Nuovo Anno, con l'auspicio di pace e progressi per la Serbia. Il presidente Vucic, ringraziando per il costante appoggio dell'Italia all'integrazione europea della Serbia, si è riferito al tempo stesso alla necessità di definire un chiaro piano per l'allargamento della Ue e una cornice temporale per l'adesione poichè - ha detto - il processo di integrazione europea è importante per la pace e la stabilità nella regione. La Serbia, ha affermato il presidente, al fine di garantire la stabilità regionale, continuerà a portare avanti una politica di pace e collaborazione. E a questo riguardo ha illustrato all'Ambasciatore l'iniziativa per una libera circolazione delle persone, delle merci, dei servizi e dei capitali nei Balcani occidentali. Lo Cascio ha definito tale iniziativa importante per la regione. Nell'incontro, ha aggiunto il comunicato della presidenza, i due interlocutori si sono detti soddisfatti del livello dei rapporti bilaterali tra Italia e Serbia, anche se esiste spazio per un rafforzamento ulteriore della collaborazione economica. L'Ambasciatore ha parlato di un crescente interesse delle piccole e medie imprese italiane a operare in Serbia, a dimostrazione del continuo miglioramnto della situazione economica nel Paese. Vucic si è quindi detto certo che il governo di Belgrado adotterà a breve provvedimenti a sostegno della Regione Veneto per i danni provocati dalle gravi inondazioni che hanno colpito Venezia.

-

Serbia-Italia: Vucic e Lo Cascio, visita Amendola prova sostegno Roma ad allargamento

Belgrado, 13 dic - (Nova) - La prossima visita in Serbia del ministro degli Affari europei Vincenzo Amendola e' prova del sostegno dell'Italia al processo di allargamento dell'Ue e al percorso europeo di Belgrado: lo ha detto l'ambasciatore d'Italia in Serbia, Carlo Lo Cascio, in un incontro avvenuto oggi con il presidente serbo Aleksandar Vucic. Lo Cascio ha trasmesso i saluti del presidente Sergio Mattarella e gli ha consegnato una sua lettera di auguri natalizi nella quale si auspica la pace, il progresso e la felicita' del paese balcanico. L'ambasciatore ha ribadito che l'Italia sostiene fortemente l'allargamento dell'Unione europea e il percorso europeo della Serbia, aggiungendo che Roma e' tra i sedici paesi Ue che hanno firmato la lettera inviata alla Commissione europea nella quale si dichiara che l'integrazione e' il migliore modo per provvedere in modo duraturo alla stabilita' ed alla sicurezza nei Balcani occidentali. Il presidente Vucic ha ringraziato per il costante sostegno che l'Italia offre all'integrazione europea della Serbia e ha sottolineato al contempo la necessita' di un chiaro piano per il processo di allargamento Ue con una tempistica di adesione. Il processo di integrazione europea, ha proseguito Vucic, e' importante anche per la pace e per la stabilita' nella regione. Il capo dello Stato ha poi sottolineato che la Serbia, sempre con l'obiettivo della stabilita' regionale, continuera' a promuovere una politica di pace e di cooperazione. A questo proposito Vucic ha illustrato a Lo Cascio l'iniziativa che prevede una libera circolazione di persone, merci, servizi e capitale fra i paesi dei Balcani occidentali.

L'ambasciatore Lo Cascio ha osservato, secondo quanto conclude la nota della presidenza serba, che tale iniziativa e' importante per la regione. I due interlocutori hanno espresso soddisfazione per l'ottimo livello delle relazioni bilaterali tra la SERBIA e l'Italia, aggiungendo che esiste ancora spazio per un ulteriore rafforzamento della collaborazione economica. L'ambasciatore Lo Cascio ha sottolineato l'interesse sempre crescente delle piccole e medie imprese italiane per venire ad operare inSERBIA, elemento questo che testimonia una sempre migliore situazione economica nel paese balcanico. Il presidente serbo si e' infine detto convinto che il governo di Belgrado approvera' in tempi brevi una decisione per aiutare la Regione Veneto nel risanamento delle conseguenze della recente acqua alta a Venezia.


1180